Dalla scoperta alla conoscenza dell'ambiente che ci circonda
Icona RSS Icona email Icona home
  • Archivio

    Notizie e attività passate

     ESPLORARE LE MOLTEPLICITA’ DEL CARSO
    800px-Il_Carso_a_Duino

    Il 17 e 18 maggio a Teatro di Bagnoli della Rosandra, avrà luogo il convegno Esplorare le molteplicità del Carso.  Divulgazione scientifica qualificata sarà abbinata ad escursioni in ambiente, per un’immediata presa di contatto con il territorio.

    Il Carso Classico offre molteplici spunti in quanto è stato non solo la culla degli studi sul carsismo ma anche luogo che consente di esaminare aspetti più generali, relativi ai rapporti tra le sue peculiarità naturalistiche, le nuove scoperte, risultato delle ricerche scientifiche in corso, e le esigenze di tutela e valorizzazione che devono essere mediate con quelle della popolazione residente.

    Contributi multidisciplinari illustreranno la ricchezza e la molteplicità delle morfologie carsiche, le testimonianze delle ere preistoriche, conservate in alcune cavità, e alcuni peculiari aspetti naturalistici in quanto l’aridità, il clima e il millenario lavoro dell’uomo hanno contribuito a creare la “landa carsica“ e vari ambienti ad alta biodiversità.

    L’inquadramento del territorio nel suo complesso, l’esame di alcune criticità e le risposte complessive fornite dagli Enti che vi operano sarà integrato con spunti sulle modalità di divulgazione ambientale che possono coinvolgere tutti gli O.N.C. ed i soci del C.A.I.

    Bagnoli della Rosandra – San Dorligo della Valle/Dolina (Ts) – 17 e 18 maggio 2014
    La partecipazione è libera e gratuita, ma è necessario iscriversi inviando una mail all’indirizzo segreteria@caisag.ts.it

    >>> scarica qui il programma dettagliato
     

    Corso FIORI DI MONTAGNA a Mirano (VE)

    Il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano del CAI e la Sezione di Mirano del CAI organizzano il corso “Fiori di Montagna: aspetti floristici e vegetazionali dell’ambiente alpino”, corso per Soci CAI diviso in due parti e composto da 10 incontri e 6 uscite in ambiente.

    Periodo: febbraio/maggio 2012

    Sede: Sala Conferenze di Villa Errera a Mirano (VE)

    Direttore del Corso: Gianni frigo (ONC – Dottore Forestale)

    Depliant Corso Fiori di Montagna Mirano 2012 (in pdf con proigramma dettagliato e modulo di iscrizione)

    Corso BOSCHI E ALBERI DELLE ALPI – Sezione di Portogruaro

    Il Comitato Scientifico VFG del CAI, in collaborazione con la Sezione di Portogruaro, propone per i mesi di gennaio e febbraio 2012 un corso che ha come soggetto gli habitat boschivi dei nostri territori alpini.

    Direttore del Corso: Gianni Frigo (ONC Dottore in scienze forestali)
    Periodo: gennaio/febbraio 2012
    Sede: Sezione CAI di Portogruaro – Viale Cadorna, 34
    Recapiti: Tel./Fax 0421 760468 – caiportogruaro@libero.it

    Programma dettagliato e modulo di iscrizione corso Alberi (in pdf)

    “Conosciamo la fauna alpina” – Corso naturalistico didattico a Sacile (PN)

    Il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano e la Sezione di Sacile del CAI organizzano un corso naturalistico didattico e formativo di 6 incontri per i soci e la collettività:

    CONOSCIAMO LA FAUNA ALPINA – Animali selvatici delle Alpi Orientali

    Periodo: Febbraio/Marzo 2012

    Sede: Sala “P. Brugnacca” c/o Centro Giovani “Zanca”, Piazzetta Romagnoli (Sacile) – ore 20.45

    Direttore del corso: Davide Berton

    Depliant del corso con programma e modulo di iscrizione (in pdf)

    CORSO BASE DI FOTOGRAFIA NATURALISTICA a Mira Porte (VE)

    Il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, le sezioni di Mirano e Dolo del CAI, il Centrro Studi Riviera del Brenta e l’EcoMuseo “le Terre del Brenta” organizzano un corso base di fotografia naturalistica che si svolgerà dal 20 gennaio al 15 febbraio 2012 presso l’Ecomuseo “le Terre del Brenta” in Via Don Minzoni al n. 26 a Mira Porte.

    Programma e modulo di iscrizione corso base di Fotografia Naturalistica (in pdf)

    Corso LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Sezioni di Codroipo e San Vito al Tagliamento

    Nell’anno dedicato dall’UNESCO alle foreste del pianeta, il Comitato Scientifico VFG del CAI in collaborazione con le Sezioni CAI di S.Vito al Tagliamento e Codroipo, propone per i mesi di novembre 2011 e febbraio 2012, un corso che ha come soggetto gli animali selvatici che popolano i nostri boschi alpini.

    Direttore del Corso: Davide Berton (ONC Naturalista)
    Periodo: Novembre 2011—Febbraio 2012
    Sedi: Sezioni CAI Codroipo e S.Vito al Tagliamento
    Tel. Referenti 339.4815149 (Giulio Tam) – 349.3708941 (Renato Miniutti)
    posta@caicodroipo.it info@caisanvito.it – www.caicodroipo.it www.caisanvito.it

    Scarica qui il programma dettagliato del corso

    “Dolomiti: immagini di un Patrimonio”: mostra e conferenze a Treviso

    Dal 2 all’11 dicembre 2011 sarà aperta la Mostra “Dolomiti: immagini di un patrimonio” allestita dalla Sezione di Treviso del CAI, in collaborazione col CAI Veneto e la Fondazione Dolomiti UNESCO, nell’antichissima Chiesa di San Gregorio Magno in Treviso – Vicolo San Gregorio 7 –  a 150 metri da Piazza dei Signori.

    A corollario della Mostra , per meglio comprendere il significato del riconoscimento dell’UNESCO ed i principali aspetti delle 9 aree che ne fanno parte, sono programmati cinque incontri culturali con altrettanti esperti che ne illustreranno le peculiarità.

    A conclusione, domenica 11 dicembre alle ore 18.00 la consocia Anna Martignon, valentissima pianista concertista, ci intratterrà con brani di Mozart, Schumann, Chopin e Gershwin.

    Locandina con programma dettagliato degli incontri (in pdf)

    Alla scoperta dei Monti Pallidi Patrimonio dell’Umanità – corso a Bassano del Grappa

    Il corso si terrà presso l’aula magna del Liceo “Jacopo Da Ponte” in Via T. d’Aquino a Bassano del Grappa, dal 12 ottobre al 14 dicembre 2011, il mercoledì sera alle ore 20.45.

    Scarica qui il programma dettagliato e il modulo di iscrizione (in pdf)

    Solidarietà

    FIORI DI MONTAGNA: aspetti floristici e vegetazionali dell’ambiente alpino – Corso di formazione a Conegliano (TV)

    Il corso intende fornire i concetti di base sul tema della vegetazione alpina e quindi approfondire la conoscenza della flora, puntando essenzialmente sull’osservazione e sul riconoscimento dei fiori di montagna.

    Venerdì 14 ottobre 2011 alle ore 20.45 presso l’Auditorium “Battistella-Moccia” di Pieve di Soligo si terrà la serata introduttiva aperta a tutti con il naturalista Anacleto Boranga : “Fiori di Montagna: storie, tradizioni, miti e leggende”.

    Il corso si terrà il mercoledì sera, ore 20.45, presso la Sala Riunioni P.le Fratelli Zoppas a Conegliano, dal 19 ottobre al 14 dicembre 2011.

    Programma dettagliato e modulo di iscrizione al Corso Fiori di Montagna Conegliano 2011

    Locandina corso Fiori di Montagna Conegliano

    INCONTRO CON LA GEOLOGIA – Approfondimenti a San Donà di Piave

    La Sezione del CAI di San Donà di Piave organizza un corso breve di approfondimento, articolato in 4 incontri, sulla geologia.

    Periodo: novembre 2011

    Sede: Sede CAI in Via Guerrato n. 3 a San Donà di Piave

    Orario: 20.45

    Incontro con la GEOLOGIA – programma dettagliato e modulo di iscrizione (ri-aggiornato, in pdf)

    DINOSAURI Italiani … e non solo – Conferenza di Federico Fanti a San Donà di Piave il 4/11/2011

    Venerdì 4 novembre 2011 alle ore 20.45 presso il Centro Culturale Leonardo da Vinci a San Donà di Piave si terrà la conferenza “Dinosauri Italiani …  e non solo”, tenuta dal Prof. Federico Fanti dell’Università di Bologna.

    Federico Fanti, giovane ricercatore dell’Università di Bologna, ci informerà sui ritrovamenti dei dinosauri nel territorio italiano con alcuni spunti anche su altre aree del pianeta Terra, aggiornandoci sugli ultimi ritrovamenti.

    Scarica qui la locandina della Conferenza (in pdf)

    DOLOMITI: immagini di un Patrimonio – Mostra fotografica a Bassano del Grappa

    La mostrà sarà visitabile dal 1 al 23 ottobre 2011 presso Palazzo Agostinelli a Bassano del Grappa con il seguente orario:

    Giorni feriali: 16.00-19.00

    Sabato e Festivi: 10.00-12.00 e 15.00-19.00

    Scarica qui la brochure della Mostra Fotografica (in pdf)

    I Bassanesi e la Montagna: serate d’autunno 2011

    Calendario delle 5 serate che si svolgeranno dal 16 settembre al 14 ottobre 2011

    USCITE NATURALISTICHE NELL’AMBITO DEL CORSO “ALLA SCOPERTA DEI MONTI PALLIDI PATRIMONIO DELL’UMANITA’”

    Sono ben 9 le escursioni programmate per quest’anno. Eccole in sintesi:

    1) DOMENICA 16 GENNAIO 2011 – ALLA SCOPERTA DEL CAMMINO DELLE DOLOMITI: Itinerario tra fede, natura e cultura da Belluno all’Alpe del Nevegal lungo la 28a Tappa del Cammino delle Dolomiti

    2) VENERDÍ 21 GENNAIO 2011 – Le Dolomiti Bellunesi al chiarore della luna piena: salita in cresta al Col Visentin (1763 m) con le racchette da neve

    3) VENERDÍ 18 FEBBRAIO 2011 – Ciaspolata notturna al chiaro di luna piena sul Monte Avena ai piedi delle Vette Feltrine

    4) DOMENICA 27 MARZO 2011 – GIORNATA FAI DI PRIMAVERA: Le vie delle Alpi dalla Romanità ai giorni nostri: un percorso a ritroso nel tempo tra Boite e Piave

    5) DOMENICA 19 GIUGNO 2011 – GIORNATA DEL SOLSTIZIO: La via e la forza dell’acqua: dal fiume alla sorgente – Itinerario lungo il corso del torrente Veses e le sue rogge secolari

    6) DOMENICA  26 GIUGNO 2011 – Le Vette Feltrine e la Busa delle Meraviglie (Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi)

    7) DOMENICA 10 LUGLIO 2011 – Tra Pelmo e Croda da Lago sulle tracce dei dinosauri e dei cacciatori mesolitici: itinerario culturale ad anello in Val Fiorentina

    8) SABATO 23 E DOMENICA 24 LUGLIO 2011 – Fine settimana naturalistico al Rifugio Giorgio Dal Piaz (1993 m) sulle Vette Feltrine nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi

    9) DOMENICA 4 SETTEMBRE 2011: Natura e Storia tra i Monumenti dell’Umanità e la Cultura Ladina – da Fodom al Passo Falzarego lungo la 12a Tappa del Cammino delle Dolomiti

    Per informazioni ed iscrizioni rivolgersi a Luca De Bortoli (ONC CAI Belluno, E-mail lucadebortoli@email.it Cell. 3404665088).

    Scarica qui il programma più dettagliato delle uscite (in pdf)

    I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE INVITO mostra fotografica a Lozzo di Cadore (BL)

    mostra presso: Palazzo Pellegrini a Lozzo di Cadore
    dall’1 al 21 Agosto
    orari apertura: da martedì a domenica 20.00/22.00
    lunedì chiuso – venerdì e sabato 14.00/16.00 e 20.00/22.00
    INAUGURAZIONE: Lunedì 1 Agosto con serata culturale a cura di DAVIDE BERTON ore 20.30

    Invito (in pdf)

    AmMIRA Montagna & Avventura

    INCONTRI CON LA MONTAGNA E L’AVVENTURA

    gennaio/giugno 2011

    Ecomuseo – Le Terre del Brenta – MIRA PORTE – Via Don Minzoni, 26

    Fare rete vuol dire fare sistema, questo è il principio base sul quale abbiamo voluto costruire questo progetto culturale. Si sono raccolte le esperienza del passato (ben 16 edizioni continuative di “AmMira la montagna”) integrandole con la nuova realtà quella di una spazio nuovo all’interno di una cornice suggestiva e particolare come Villa Principe Pio a Mira Porte. Sarà un appuntamento fisso, che ci (e vi) coinvolgerà con l’ultimo venerdì del mese. Quando ci sarà la bella stagione (da maggio in poi!) l’appuntamento si svolgerà all’aperto nel parco della Villa stessa. Esperienza di ricerche, viaggi, reportage vissuti da gente comune e non, preferibilmente locali che ci coinvolgeranno sulle loro esperienze in modo diretto. Con l’augurio che anche questo nuovo progetto, costruito su radici del passato, riscontri l’interesse di tutti, vi diamo appuntamento con AmMira montagna & avventura anno 2011.

    Pieghevole con programma dettagliato della rassegna Montagna & Avventura (in pdf)

    19 Giugno 2011: escursioni naturalistiche per la Giornata del Solstizio

    1) RA STUA, ALPE DI LEROSA E CRODA DE R’ANCONA (Parco Naturale Dolomiti D’Ampezzo)

    Sezioni di Camposampiero e Castelfranco V.

    Dislivello totale in salita: metri 750.

    Difficoltà: E, sentieri e mulattiere facili con tratti ripidi e d’alta quota.

    Tempo totale di percorrenza: 6 ore.

    Partenza: ore 6:00 da Camposampiero o da Castelfranco V. (con mezzi propri).

    Inizio escursione: ore 9:00 da Malga Ra Stua

    Operatori Naturalistici e Culturali: Davide Berton, Chiara Siffi, Antonio Rettore

    Programma della Giornata del Solstizio all’Alpe di Lerosa (in doc, contenente le informazioni per l’iscrizione)

    2) I CASTELLONI DI SAN MARCO (Altopiano di Asiago)

    Sezione di Vittorio Veneto

    L’ambiente denominato “Castelloni di San Marco” è un immenso castello naturale che domina il solco della Valsugana, profonda 1500 metri, tutto merli, torri, antri, gole, buchi scavati dall’acqua in milioni di anni sul tenero calcare. Fa parte del grandioso apparato carsico dell’abisso della Fossetta (decine di chilometri di grotte) che scarica le sue acque nella grotta Bigonda in Valsugana e ancora in fase di esplorazione da parte degli speleologi.
    E’ consigliabile percorrere integralmente il sentiero ben segnalato detto del ‘labirinto’ che con un percorso tortuosissimo porta a vedere, nella giusta sequenza, la strabiliante magia di questo incredibile luogo. E’ una specie di ‘montagna russa’ tra crepe, spaccature, angusti passaggi, grotte, sassi incastrati, grandi sale e massi lavorati dall’acqua.

    Dislivello totale in salita: metri 400

    Difficoltà: E

    Tempo totale di percorrenza: 7 ore

    Partenza: ore 6.30 da Vittorio Veneto

    Inizio escursione: ore 9.30 presso Malga Fossetta

    Operatore Naturalistico e Culturale: Alessandra Gregoris

    Programma dettagliato (in doc)

    3) LA VIA E LA FORZA DELL’ACQUA: DAL FIUME ALLA SORGENTE- Itinerario lungo il corso del torrente Veses e le sue rogge secolari

    Sezione di Belluno

    Il percorso si sviluppa attorno alla roggia di Ignan-Salzan e agli opifici che vi si sono sviluppati nei secoli (mulini, caseificio, segheria); comprende le visite alla Parrocchiale, alle antiche chiese frazionali di Santa Libera (Salzan di sotto), San Lorenzo (Grigher), San Michele Arcangelo (Ignan) e San Vetor Veses, al sito dell’attracco del traghetto sul Piave per Mel, all’abitato rurale di Velos e alla piccola centrale idroelettrica in località Altanon con le relative opere di captazione (bacino e condotta forzata). Nell’attiguo Ostello sarà offerto un piccolo rinfresco.

    Luogo: Provincia di Belluno – Comuni di Santa Giustina e San Gregorio nelle Alpi

    Gruppo montuoso: Monte Pizzocco – Valle del Veses

    Partenza: Piazza Maggiore a Santa Giustina, 308 m, ore 8.00 (alcune auto verranno portate in località San Vetor Veses per il rientro)

    Arrivo: San Vetor Veses, 512 m, ore 16.00

    Referente: Luca De Bortoli (ONC CAI Belluno, E-mail lucadebortoli@email.itCell. 3404665088)

    Durata: 8 ore con soste

    Lunghezza: 15 km

    Dislivello in salita: 300 m

    Difficoltà: T/E – nessuna difficoltà; è comunque richiesto un minimo di allenamento per la lunghezza del percorso

    19 Giugno 2011 – Giornata del Solstizio lungo il Veses (in pdf)

    4) Castagni, rondini, storie ed il Kries, il falò rituale, DUGHE e TRIBIL di SOPRA – Giovedì 23 giugno 2011

    Pomeriggio-serata organizzata dal Comitato Scientifico Centrale del CAI (Operatore Naturalistico e Culturale Renzo Paganello della Società Alpina Friulana, sezione di Udine del CAI) per i soci CAI ed eventuali simpatizzanti, a carattere naturalistico-paesaggistico ed etologico.

    Programma dettagliato dell’uscita (in pdf)

    Corso di Formazione “Alla scoperta degli habitat: guida al riconoscimento e all’interpretazione” con Cesare Lasen

    Periodo: Marzo/Maggio 2011 con 7 uscite nel territorio in primavera e estate 2011

    Sede: Santa Giustina (BL), Centro Culturale Ex-Rizzarda, il giovedì sera dalle ore 20.45 alle ore 22.30

    Organizzazione: Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano del CAI, Sezione di Belluno (referente Luca De Bortoli)

    Direttore e relatore del Corso: Cesare Lasen

    Programma di massima:
    Il corso si propone di dare le chiavi per una lettura vegetazionale del territorio, del rapporto uomo-ambiente e delle dinamiche evolutive passate e in atto. L’ambito geografico affrontato, anche con specifiche uscite nel territorio, va dalla pianura alle Alpi, comprendendo l’Italia nordorientale.
    Il corso si articola in una serata introduttiva di presentazione, sette lezioni di 1 ora e 45 minuti delle 20.45 alle 22.30 (compresa discussione finale), una serata finale e sette uscite in ambiente.

    Serata introduttiva (31/03/2011) I metodi di lettura della vegetazione. Fitosociologia e fondamenti di geobotanica
    1° lezione (07/04/2011): Gli habitat acquatici
    2° lezione (14/04/2011): Vegetazione pioniera di rupi e ghiaioni
    3° lezione (28/04/2011): I prati e le vegetazioni erbacee (aspetti naturaliformi)
    4° lezione (05/05/2011): I prati e le vegetazioni erbacee (aspetti sinantropici)
    5° lezione (12/05/2011): Le torbiere e le sorgenti
    6° lezione (19/05/2011): Arbusteti
    7° lezione (26/05/2011): Boschi
    Serata finale (08/06/2011) con presentazione e discussione delle foto realizzate dai partecipanti

    Uscite giornaliere
    03/04/2011: il Monte Miesna e il Vincheto di Celarda
    10/04/2011: i versanti meridionali delle Prealpi Trevigiane o del Massiccio del Grappa
    08/05/2011: le pendici della Cima di Lan (Agana)
    22/05/2011: i prati a narcisi della Sinistra Piave
    05/06/2011: il Monte Serva
    24/07/2011: le Vette Feltrine
    04/09/2011: da Fodom al Falzarego per il Passo di Valparola

    Iscritti: minimo 25, massimo 45

    Quote: 75 Euro i non soci CAI, 50 Euro i soci; soci giovani under 18 e/o familiari (con l’ordinario iscritto al corso) sconto del 50%

    Materiale didattico: dispense, dvd con le presentazioni in powerpoint e registrazioni delle lezioni, copia del volume “Atlante dei Siti Natura 2000 del Veneto”, penna, block notes e borsa personalizzati

    LE ISCRIZIONI SONO CHIUSE PER IL RAGGIUNGIMENTO DEL NUMERO MASSIMO DI ISCRITTI!

    ALLA SCOPERTA DEI MONTI PALLIDI PATRIMONIO DELL’UMANITA’ – Corso organizzato dalla Sezione CAI di Mirano

    Corso di formazione e divulgazione articolato in 10 incontri e 2 serate aperte a tutti sulle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità

    CORSO: Alla scoperta dei Monti Pallidi Patrimonio dell’Umanità

    DIRETTORE DEL CORSO: Ugo Scortegagna (geologo, AE, ONC, Cai Veneto)

    SEDE: Mirano (VE) – Auditorium di Villa Errera – ore 20.45

    PERIODO: Febbraio-Maggio 2011

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: Depliant Corso di Formazione Alla Scoperta dei Monti Pallidi 2011 (in pdf)

    Invito alla serata introduttiva di venerdì 11 febbraio con Michele Zanetti (in pdf)

    INCONTRO CON LA GEOLOGIA: corso di formazione a San Donà di Piave

    Corso organizzato dalla Sezione CAI di San Donà di Piave

    CORSO: INCONTRO CON LA GEOLOGIA

    DIRETTORE: Ugo Scortegagna

    SEDE: San Donà di Piave (VE), Sede CAI in Via Guerrato n. 3 – Ore 20,45

    PERIODO: Marzo-Maggio 2011

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: INCONTRO CON LA GEOLOGIA – Corso a San Donà di piave (in pdf)

    UN APPENNINO PER 4 REGIONE – Corso nazionale di aggiornamento per insegnanti a Norcia (10-13 aprile 2011)

    La Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano del Club Alpino Italiano, in collaborazione con la Commissione Centrale di Alpinismo Giovanile e con il Comitato Scientifico Centrale, organizzano, previa autorizzazione del Ministero della Pubblica Istruzione, un corso di aggiornamento per docenti dalla durata di quattro giorni, da domenica 10 aprile a mercoledì 13 aprile 2011, in località Norcia (PG), nel territorio del Parco Nazionale dei Monti Sibillini. Il corso è finalizzato alla conoscenza, alla ricerca e allo studio delle caratteristiche naturalistiche e antropiche dell’Appennino Centrale.

    Programma dettagliato e modulo di iscrizione del corso nazionale di aggiornamento per insegnanti a Norcia (in doc)

    Convegno “Il Comitato Scientifico Ligure Piemontese e gli Operatori Naturalistici e Culturali” – Torino 16 aprile 2011

    Il Comitato Scientifico Ligure Piemontese del Club Alpino Italiano organizza per sabato 16 aprile 2011 presso la Sala degli Stemmi del Monte dei Cappuccini a Torino il Convegno “il Comitato Scientifico Ligure Piemontese e gli Operatori Naturalistici e Culturali”.

    Scarica qui il programma dettagliato della giornata (in pdf)

    LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Corso organizzato dalla Sezione CAI di Portogruaro

    Corso Naturalistico, Didattico-Formativo di 10 incontri per i soci e la collettività

    CORSO: LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Animali selvatici delle Alpi Orientali

    DIRETTORE DEL CORSO: Davide Berton (ONC, Naturalista)

    SEDE: Portogruaro (VE) – Sede CAI Viale Cadorna n. 34 – Ore 20,45

    PERIODO: Gennaio-Marzo 2011

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: LA GRANDE FAUNA – Depliant in pdf

    Conferenza “Dagli Ospizi del Medioevo ai Rifugi Alpini” a Lozzo di Cadore – 4/03/2011

    Si tratta di una conferenza a più voci che si svolgerà Venerdì 4 Marzo alle ore 20,30 a Palazzo Pellegrini a Lozzo di Cadore.

    Dagli Ospizi del Medioevo ai Rifugi Alpini è il titolo dell’iniziativa che metterà in evidenza l’ospitalità della Montagna Cadorina e il ruolo dei Rifugi Alpini.

    Interverranno: il presidente del Cai Veneto Emilio Bertan, la storica Monia Franzolin, il presidente di Ascom Belluno Franco Debortoli e il direttore del Museo diocesano monsignor Giacomo Mazzorana.

    Ne sortirà una riflessione culturale ma anche l’analisi dei problemi che vivono i Rifugi a cominciare da quelli del Cadore.

    Nuvolando… Corso di Meteorologia Alpina a Castelfranco Veneto

    CORSO: NUVOLANDO… Corso di Meteorologia Alpina organizzato dalle sezioni CAI di Castelfranco Veneto e Camposampiero

    DOCENTE: Damiano Zanocco

    SEDE: Castelfranco Veneto (TV) – Sala del Centro “Don E. Bordignon” – Ore 20,45

    PERIODO: Gennaio-Febbraio 2011

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: NUVOLANDO… Corso di Meteorologia Alpina – Brochure in pdf

    ESCURSIONE NOTTUNA AL CHIARO DI LUNA PIENA SUL MONTE AVENA AI PIEDI DELLE VETTE FELTRINE – 18/02/2011

    ESCURSIONE NOTTUNA AL CHIARO DI LUNA PIENA SUL MONTE AVENA AI PIEDI DELLE VETTE FELTRINE

    Venerdì 18 febbraio 2011

    Salita tra boschi e pascoli da Casera dei Boschi (1253 m) alla cima del Monte Avena (1454 m)

    Luogo: Provincia di Belluno – Comuni di Fonzaso, Pedavena e Sovramonte

    Gruppo montuoso: Vette Feltrine

    Partenza: Malga Casera dei Boschi, 1250 m, ore 21.00

    Arrivo: Malga Casera dei Boschi, 1250 m, ore 23.30

    Durata: 2 ore e mezza con soste

    Lunghezza: 5 km

    Dislivello in salita: 230 m

    Difficoltà: T/E, in caso di sufficiente innevamento EAI (percorso escursionistico in ambiente innevato con racchette da neve)

    Equipaggiamento: da escursionismo invernale; in caso di sufficiente innevamento anche con ghette e racchette da neve

    Note: lo scopo dell’escursione è osservare il paesaggio notturno e ascoltare, se possibile, i rumori provenienti dal bosco.

    Il toponimo Avena indica la presenza di sorgenti o rivi d’acqua. Infatti le pendici del monte, soprattutto quelle settentrionali, sono ricche di piccole polle sorgive, alcune delle quali captate come quelle che alimentano il vecchio acquedotto di Faller o quello ancora in funzione di Facen. Il Monte Avena, oggi in gran parte ricoperto da boschi di abete rosso alternati a superstiti aggruppamenti di faggio, conta su un’antica tradizione pastorale. I versanti sono disseminati da ruderi di maiolère e casère del prealpeggio, talune restaurate, mentre verso la cima sono ancora attive, con funzioni di agriturismo, tre malghe comunali: due di proprietà del Comune di Pedavena (Campèt, Casera dei Boschi), ed una del Comune di Fonzaso (Campòn). Una strada sterrata che ricalca quella militare del 1912 conduce fino alla sommità, dove sono visibili le trincee realizzate all’epoca e dalla grande croce in ferro del 1950 è possibile ammirare la conca di Fonzaso ed il Massiccio del Grappa. Oggi il Monte Avena, data l’accessibilità e la sua vicinanza alla pianura veneta, è meta ambita da chi pratica vari sport, sia invernali che estivi. Primo di tutti lo sci: la società Croce d’Aune Sviluppo oggi gestisce 6 piste da discesa di varie difficoltà per uno sviluppo complessivo di 6 Km e 3 piste da fondo ad anello per circa 15 Km. La seggiovia della Val Maor è l’impianto maggiore con i suoi 419 metri di dislivello e si trova totalmente in territorio sovramontino. Importanti manifestazioni sulla neve vengono organizzate dallo Sci Club Croce d’Aune, fondato nel marzo del 1961 con lo scopo di far conoscere questa zona sciistica, cimentarsi nelle gare e favorire la preparazione dei più giovani.

    Molto praticato è anche l’escursionismo invernale, con le racchette da neve, ed estivo, mentre in anni più recenti si è aggiunto quello a cavallo. Gli amanti del volo prediligono il Monte Avena per le sue correnti ascensionali. Per questo qui vengono organizzate competizioni internazionali di parapendio e deltaplano. Dal 1992 è inoltre attiva con i suoi corsi la Scuola Volo Libero Monte Avena, con sede a Feltre.

    Luogo e orario di ritrovo: Piazzale della Stazione, Feltre, ore 20.30

    Le iscrizioni si ricevono telefonicamente o via mail presso Luca De Bortoli (Cell. 3404665088 – E-mail lucadebortoli@email.it) entro giovedì 17 febbraio 2011.

    Quota di partecipazione: per i soci C.A.I. 3 euro (non soci 8 euro, comprensivi di assicurazione) per contributo spese organizzative e rimborso spese uso auto per il rientro.

    POSTI DISPONIBILI: n. 30

    Accompagnatori: Luca DE BORTOLI (ONC), Michela DAL MAS e Roberto BOIAGO

    Corso invernale di aggiornamento per docenti a Misurina (BL)

    Il programma e le modalità di iscrizione al nuovo Corso invernale di aggiornamento Docenti organizzato a Misurina (BL) dal Club Alpino Italiano possono essere scaricati da

    http://www.caiveneto.it/agenda.asp?ua=193

    Da Belluno all’Alpe del Nevegal lungo il Cammino delle Dolomiti

    ALLA SCOPERTA DEL CAMMINO DELLE DOLOMITI – Domenica 16 gennaio 2011

    Itinerario tra fede, natura e cultura da Belluno all’Alpe del Nevegal

    lungo la 28a Tappa del Cammino delle Dolomiti

    Luogo: Provincia di Belluno – Comune di Belluno

    Gruppo montuoso: Prealpi Bellunesi (Valbelluna)

    Partenza: Piazza Campedel (o dei Martiri), Belluno, 390 m, ore 8.20 (precedentemente alcune auto verranno portate in località Nevegal per il rientro)

    Arrivo: Santuario della Madonna di Lourdes, Nevegal, 1008 m, ore 16.30

    Referente: Luca De Bortoli (ONC CAI Belluno, E-mail lucadebortoli@email.it – Cell. 3404665088)

    Durata: 6 ore con soste

    Lunghezza: 11 km

    Dislivello in salita: 750 m

    Difficoltà: T/E – nessuna difficoltà; è comunque richiesto un minimo di allenamento per la lunghezza e il dislivello del percorso

    Equipaggiamento: consigliate pedule, abbigliamento caldo data la stagione, giacca a vento, mantella o ombrello (a seconda del tempo), borraccia, viveri per il pranzo al sacco, eventuale ricambio di biancheria, racchette telescopiche

    Interesse: geomorfologico, vegetazionale, paesaggistico, spirituale, artistico e storico-antropologico

    Note: L’itinerario si sviluppa quasi interamente per strade asfaltate secondarie e stradine sterrate. Prima di iniziare l’escursione si porteranno delle auto al parcheggio del Santuario del Nevegal, da utilizzarsi al ritorno in quanto la località non è collegata al capoluogo da un servizio regolare di pullman.

    Dopo una breve sosta in Piazza Duomo per ammirare gli edifici che vi si affacciano (fra tutti il medievale Palazzo dei Vescovi, il quattro-cinquecentesco Palazzo dei Rettori e l’imponente Cattedrale nelle sue forme rinascimentali), il percorso scende in breve alle sponde del Piave, che si attraversa sul Ponte della Vittoria (1923-25). Si visitano così le chiese di San Nicolò a Borgo Piave (ricostruita nel XIX Sec.), antico porto fluviale, dei Ss. Simone e Giuda a Cavessago (nelle forme del XVI-XVII Sec.), l’Oratorio dei Battuti (XIV Sec.) e l’Arcipretale di S. Maria Assunta a Castion (XIX Sec.), mentre il panorama si apre sui versanti meridionali delle Dolomiti Bellunesi. A Faverga, caratteristico insediamento rurale che presenta numerosi esempi ben conservati di casa bellunese, ci si sofferma sulla seicentesca Chiesa di S. Francesco. Ripresa la salita si incontra il piccolo Santuario di San Mamante, edificato probabilmente nella prima metà del XIII Sec., che assunse l’aspetto attuale tra il Cinquecento e il Seicento. Interessante è anche la vicina sorgente protetta da una grande volta a botte in muratura: ancora oggi molte madri vengono qui a raccoglierne l’acqua per ottenere la protezione del santo contro lo scarso allattamento. Risalita l’omonima valle di San Mamante e osservatane la vegetazione, si giunge al noto centro di turismo estivo e invernale del Nevegal, creato nel secondo dopoguerra e potenziato per le Universiadi del 1985. Nei pressi, negli anni Novanta del Novecento, fu innalzato il moderno Santuario dedicato a Maria Immacolata, che raccoglie numerose opere di artisti contemporanei.

    Luogo e orario di ritrovo:Belluno, parcheggio Piazza Piloni, ore 7.30

    Le iscrizioni si ricevono telefonicamente o via mail presso Luca De Bortoli (Cell. 3404665088 – E-mail lucadebortoli@email.it)  entro sabato 15 dicembre 2011.

    Quota di partecipazione: per i soci C.A.I. 5 euro (non soci 10 euro, comprensivi di assicurazione) per contributo spese organizzative, materiale informativo e rimborso spese uso auto per il rientro.

    POSTI DISPONIBILI: n. 30

    Accompagnatori: Luca DE BORTOLI (ONC), Michela DAL MAS e Roberto BOIAGO

    LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Corso organizzato dalle Sezioni CAI di Conegliano, Oderzo, Pieve di Soligo, Vittorio Veneto

    Corso Naturalistico, Didattico-Formativo di 10 incontri per i soci e la collettività

    Nell’ambito del corso, dal 4 dicembre 2010 al 2 gennaio 2011 presso il “Quartiere Latino Libri” in Via XI Febbraio al numero 34, sarà visibile la mostra fotografica “I Grandi animali delle montagne italiane – Omaggio a Mario Rigoni Stern”.

    CORSO: LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Animali selvatici delle Alpi Orientali

    DIRETTORE DEL CORSO: Davide Berton (ONC, Naturalista)

    SEDE: Conegliano (TV) – Sala Parrocchiale Madonna delle Grazie – Ore 20,45

    PERIODO: Ottobre-Dicembre 2010

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Brochure in pdf

    CORSO DI FORMAZIONE E DIVULGAZIONE SULLE DOLOMITI, PATRIMONIO DELL’UMANITA’ – Sedico (BL) dall’1/10/2010 all’11/12/2010

    Periodo: Ottobre/Dicembre 2010 con 3 uscite in territorio dolomitico nell’estate 2011

    Sede: Sedico (BL) – Serata introduttiva e Tavola Rotonda finale a Villa Manzoni ai Patt – lezioni presso il Palazzo dei Servizi

    Organizzazione: Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano e Sezione di Belluno del CAI

    Patrocini: CAI Veneto, Fondazione Giovanni Angelini, Provincia di Belluno, Comune di Sedico

    Direttore: Ugo Scortegagna

    Coordinatore organizzativo: Luca De Bortoli

    Programma di massima: Il corso si propone di dare delle informazioni sulle Dolomiti, recentemente inserite nella lista Unesco dei siti naturali Patrimonio dell’Umanità, considerate come complesso e ricco mosaico di peculiarità naturalistiche e antropiche uniche al mondo.

    Il corso si articola in una serata introduttiva e dieci incontri serali a cadenza settimanale nei quali verranno presentate le caratteristiche geologiche, geomorfologiche, floristiche, vegetazionali, faunistiche e antropiche dell’area dolomitica. Una tavola rotonda finale metterà a confronto esperti di discipline diverse sulle opportunità derivate dalla proclamazione dell’Unesco.

    01/10/2010: DOLOMITI ritratto naturalistico di una leggenda (serata introduttiva aperta a tutti a cura del naturalista Michele Zanetti)

    1° lezione (07/10/2010): La formazione delle Dolomiti (Ugo Scortegagna, geologo)

    2° lezione (14/10/2010): Dagli atolli al paesaggio dolomitico: geomorfologia Dolomiti (Lucio D’Alberto, geologo)

    3° lezione (21/10/2010): Ghiacciai delle Dolomiti e morfologie glaciali nelle Dolomiti: dall’Ultimo Massimo Glaciale all’attuale ritiro (Prof. Alberto Carton, docente di geomorfologia e geografia fisica all’Università di Padova)

    4° lezione (28/10/2010): Peculiarità della flora della regione dolomitica (Gianni Frigo, dott. forestale e guida naturalistico-ambientale regionale)

    5° lezione (03/11/2010): Il paesaggio vegetale (Cesare Lasen, geobotanico)

    6° lezione (11/11/2010): La fauna vertebrata delle Dolomiti: i pesci, gli anfibi e i rettili (Giuseppe Tormen, naturalista)

    7° lezione (18/11/2010): La fauna vertebrata delle Dolomiti: gli uccelli (Michele Cassol, dott. forestale e naturalista)

    8° lezione (25/11/2010): La fauna vertebrata delle Dolomiti: i mammiferi (Stefano Vendrami e Mauro Varaschin, dottori forestali)

    9° lezione (02/12/2010): Culture e tradizioni nelle Dolomiti (Daniela Perco, antropologa e direttrice del Museo Etnografico della Provincia di Belluno e del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi)

    10° lezione (09/12/2010): Dal paesaggio naturale al paesaggio antropico: l’Uomo e le Dolomiti (Luca De Bortoli, Conservatore dei Beni Architettonici ed Ambientali)

    Tavola rotonda finale moderata da Gianni Frigo (11/12/2010) con i relatori del corso e vari esperti coinvolti nella compilazione del dossier per la candidatura all’Unesco

    Alle lezioni si aggiungono tre uscite giornaliere (facoltative):

    1)     Nel Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (Vette Feltrine o Gruppo del Cimonega);

    2)     Mondeval e la Croda da Lago (o Fanes);

    3)     I Cadini di Misurina e le Tre Cime di Lavaredo.

    Iscritti: minimo 35, massimo 100

    Materiale didattico: dispense, dvd con le presentazioni in powerpoint e registrazioni delle lezioni, copia del volume “Ecosistema Dolomiti” di Michele Zanetti, block notes e borsa personalizzate.

    Iscrizioni: entro il 26/09/2010 presso Luca De Bortoli (E-mail lucadebortoli@email.it – Cell. 3404665088) e fino al raggiungimento della quota massima di iscrizioni

    Costo a persona: 50,00 € soci CAI; 70 € non soci; giovani e familiari sconto del 50%

    Depliant Corso di Formazione “Alla Scoperta dei Monti Pallidi” (in pdf)

    Montagna Cinema 2010

    MontagnaCinema 2010 vi aspetta con tante novità: i migliori film provenienti dai più importanti festival dedicati al mondo della montagna e dell’alpinismo, incontri con grandi protagonisti delle nostre montagne, presentazioni di viaggi ed avventure, libri e molto altro.
    Tutte le serate sono ad entrata libera!Scoprite subito il ricco programma di MontagnaCinema 2010 a Codroipo, Pontebba e San Daniele del Friuli! Scaricate e stampate il programma in formato pdf (clicca qui)!

    Mostra fotografica “I grandi animali selvatici delle montagne italiane” a Bassano del Grappa

    Nelle valli remote delle Alpi, sugli sconfinati versanti forestali dell’Appennino, sulle rupi e nelle forre, nelle foreste silenziose, tra le ombre azzurre della sera e nelle tenebre delle notti senza luna,misteriosi animali risorti da un passato che ritenevamo estinto, si muovono alla ricerca di nuove dimore. Sono i Grandi Animali; sono gli orsi tornati dalla Slovenia e dalla Carinzia, sono le linci che migrano solitarie, ma anche le aquile che popolano nuovamente i cieli e i gipeti e i galli cedroni sopravvissuti al lungo Postglaciale dell’uomo. È l’anima selvatica della montagna ancestrale che sembra ridestarsi, con le mandrie di cervo e di stambecco che tornano ad essere protagoniste sui grandiosi palcoscenici loro appartenuti da prima che la storia iniziasse.

    Mostra: I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE

    Organizzazione: CAI Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano e Sezione CAI di Bassano del Grappa con il patrocinio di CAI Veneto, Comune di Bassano del Grappa, Provincia di Vicenza e Regione del Veneto

    Luogo di allestimento: Corpo di Guardia del Castello degli Ezzelini a Bassano del Grappa (VI)

    Periodo: 11 – 26 settembre 2010

    Orari di apertura: feriali 17.00-19.00 / sabato 15.00-19.00 / festivi 10.00-12.00 e 15.00-19.00

    Ingresso Libero e Gratuito

    Locandina della Mostra (in pdf)

    Pieghevole della Mostra (in pdf)

    ALLA SCOPERTA DEL CAMMINO DELLE DOLOMITI – 5/09/2010

    Itinerario tra fede, natura e cultura da Belluno a Sedico lungo la 29a Tappa del Cammino delle Dolomiti

    Luogo: Provincia di Belluno – Comune di Belluno
    Gruppo montuoso: Dolomiti Bellunesi (Valbelluna)
    Partenza: Piazza Campedel (dei Martiri), Belluno, 390 m, ore 8.00
    Arrivo: Oratorio di S. Nicolò a Bribanet di Sedico (Belluno)
    Referente: Luca De Bortoli (ONC CAI Belluno, E-mail lucadebortoli@email.it Cell. 3404665088)
    Durata: 8 ore con soste
    Lunghezza: 18,5 km
    Dislivello in salita: 300 m
    Difficoltà: T – nessuna difficoltà; è comunque richiesto un minimo di allenamento per la lunghezza del percorso
    Equipaggiamento: consigliate pedule, giacca a vento, mantella o ombrello (a seconda del tempo), borraccia, viveri per il pranzo al sacco, eventuale ricambio di biancheria, racchette telescopiche
    Interesse: geomorfologico, vegetazionale, paesaggistico, spirituale, artistico e storico-antropologico
    Note: L’itinerario si sviluppa quasi interamente per strade asfaltate secondarie e stradine sterrate. Da Belluno a Roe il percorso presenta vari saliscendi, quindi, fino a Bribanet, rimane quasi sempre pianeggiante. Il ritorno avverrà in treno dalla stazione di Sedico-Bribano (17.29) a quella di Belluno (17.43)

    Durante il percorso si visiteranno le chiese dei Ss. Filippo e Giacomo a Mussoi (XVI Sec.), dei Santi Giorgio e Sebastiano a Travazzoi (anteriore al Mille, sistemazione del XVII Sec.), dei Ss. Severo e Brigida a Tisoi (1765), di S. Giovanni Battista a Libano (XVI Sec.), di San Michele di Orzes (XVII Sec.), di S. Nicolò a Bribanet (1502). Ad esse si aggiungono alcuni monumenti civili di spiccato interesse come il Ponte delle Fontane (antico acquedotto di Fisterre, 1750), il Bosco delle Castagne e le testimonianze delle antiche rogge del Basso Cordevole.

    Il percorso inizia da Piazza Campedel e prosegue verso Mussoi. Poco dopo la rotonda della Cerva si prosegue lungo via Col di Lana per vedere la casa natale di papa Gregorio XVI e la chiesetta dei santi Filippo e Giacomo (pregevoli affreschi cinquecenteschi) che conserva le spoglie dei genitori del pontefice; 50 metri più avanti si prende, a destra, via Travazzoi e dopo altri 50 metri si entra nel parco di Villa Clizia (o di Mussoi – che si lascia sulla sinistra), magnifico bosco ricchissimo di specie arboree di origine esotica, fino al “ponte delle fontane”. Superato l’antico acquedotto si sale verso Vezzano (via Fisterre) e, incrociata la strada principale, si scende per un centinaio di metri, in direzione Belluno, fino alla chiesa di San Sebastiano.   Dalla qui inizia la salita verso il “Bosco delle Castagne”, noto ai bellunesi perché qui furono impiccati alcuni partigiani durante il secondo conflitto mondiale (ogni anno si celebra una messa in loro ricordo). Dopo una salita non faticosa, ma non brevissima, si raggiunge il posto in cui accadde il tragico evento: i vecchi castagni su cui trovarono la morte quei ragazzi sono ancora in piedi, ormai secchi. Si tratta di un luogo monumentale e austero. In breve discesa si raggiunge l’azienda agricola Gava dalla quale, su strada bianca pianeggiante, ci si dirige verso Tisoi. Il paesaggio è splendido e caratterizzato dalla presenza di apprezzabili ambienti agrari di tipo tradizionale. Si raggiunge la bella chiesetta di San Simon e quindi, per strada asfaltata (via S.Simon) si arriva a Tisoi. Si prosegue per Giazzoi e si arriva quindi, dopo aver oltrepassato il torrente Gresal, a Libàno e Bolago, in posizione molto panoramica: lo sguardo spazia, in modo particolare, verso la Val Belluna. Quindi, per strada bianca in discesa, si raggiunge la località Casoni e poi Orzes. Fra Orzes e Roe Alte il percorso si sviluppa su stradine di campagna, in parte asfaltate, ma sempre inserite in contesti ambientali molto apprezzabili e ben conservati. Bello il panorama sui versanti meridionali dei rilievi del Parco Nazionale Dolomiti Bellunesi (Pizzocco, Spiz di Vedana, Monti del Sole) e sulla Certosa di Vedana. Oltrepassata la strada statale in località Suppiei, si comincia a costeggiare il Cordevole, ora su strade bianche, ora su piste in terra battuta. Si raggiunge così la frazione di Seghe di Villa e, sempre lungo il Cordevole, Villa e Meli. Nel tratto lungo il Cordevole, si notano ancora le tracce delle antiche segherie, qui in passato numerose. Da Meli un sentiero che si sviluppa proprio dietro il colle di Villa Patt di Sedico consente di raggiungere Bribano e la chiesetta di San Nicolò. Eretto nel 1502 e restaurato nel 2002, l’oratorio è dedicato a S.Nicolò, patrono degli zattieri, poiché per secoli Bribano è stato importante centro di lavorazione del legname che scendeva dall’Agordino per fluitazione lungo il Cordevole; la scritta “Buzatorum” e lo stemma (una mèla o lama da sega) sopra la porta d’ingresso, indicano la famiglia che ne commissionò la costruzione, i Buzzati, che avrebbero avuto come discendente, nel Novecento, il giornalista e scrittore bellunese Dino Buzzati. All’interno si possono ammirare: un altare in legno rosso del 1506, opera dell’intagliatore feltrino Vettor Scienza; uno splendido trittico di inizio Cinquecento, attribuito ad Agostino da Lodi, che rappresenta la Madonna, S.Nicolò e S.Rocco, protettore contro la peste; un paliotto in cuoio del Seicento con gli stemmi dei Rudio e del vescovo Berlendis, probabilmente opera di Giovanni Auregne o della sua scuola.

    Luogo e orario di ritrovo:Belluno Piazza Campedel (dei Martiri), davanti alla Chiesa di San Rocco, 10 minuti prima dell’ora di partenza.
    Le iscrizioni si ricevono telefonicamente o via mail presso Luca De Bortoli (Cell. 3404665088 – E-mail lucadebortoli@email.it)  entro sabato 4 settembre 2010.
    Quota di partecipazione: per i soci C.A.I. 5 euro (non soci 10 euro, comprensivi di assicurazione) per contributo spese organizzative, biglietto ferroviario per il rientro e materiale illustrativo.
    POSTI DISPONIBILI: n. 50
    Accompagnatori: Luca DE BORTOLI (ONC), Michela DAL MAS e Roberto BOIAGO

    Week-end naturalistico-escursionistico sulle Dolomiti Patrimonio dell’Umanità al Passo Pordoi dal 27 al 29 agosto 2010

    Il CENTRO  DI FORMAZIONE PER LA MONTAGNA “BRUNO CREPAZ” al PASSO PORDOI in collaborazione col COMITATO SCIENTIFICO Veneto Friulano Giuliano organizza un WEEK-END NATURALISTICO-ESCURSIONISTICO sul tema

    DOLOMITI PATRIMONIO NATURALE DELL’UMANITA’ – IMPARIAMO A CONOSCERLE

    PERIODO: 27  –  29  agosto  2010

    L’iniziativa è rivolta a tutti i soci C.A.I. maggiorenni, anche privi di conoscenze specifiche ma desiderosi di avvicinarsi all’ambiente dolomitico e di apprendere alcune nozioni di base sugli aspetti geomorfologici, storici, naturalistici. E’ richiesto un discreto allenamento alle escursioni ed alla quota.

    P r o g r a m m a

    VENERDI’ 27 AGOSTO

    MATTINO: Accoglienza e sistemazione dei partecipanti presso il Centro Bruno Crepaz e l’Hotel Savoia al Passo Pordoi

    ORE 12.30: Pranzo

    ESCURSIONE

    SERA: Consapevolezza ed opportunità nel vivere “Dolomiti – Patrimonio naturale dell’Umanità” di E. Oddone

    SABATO 28 AGOSTO

    ESCURSIONE

    SERA: Gli aspetti naturalistici delle escursioni raccontati dai partecipanti (sensazioni, immagini, commenti…)

    DOMENICA 29 AGOSTO

    ESCURSIONE

    PRANZO e commiato

    Weekend naturalistico-escursionistico al Passo Pordoi – Programma (in doc)

    Weekend naturalistico-escursionistico al Passo Pordoi – Scheda di iscrizione (in doc)

    Mostra fotografica “I grandi animali selvatici delle montagne italiane” al Centro “Bruno Crepaz” al Passo Pordoi

    Nelle valli remote delle Alpi, sugli sconfinati versanti forestali dell’Appennino, sulle rupi e nelle forre, nelle foreste silenziose, tra le ombre azzurre della sera e nelle tenebre delle notti senza luna,misteriosi animali risorti da un passato che ritenevamo estinto, si muovono alla ricerca di nuove dimore. Sono i Grandi Animali; sono gli orsi tornati dalla Slovenia e dalla Carinzia, sono le linci che migrano solitarie, ma anche le aquile che popolano nuovamente i cieli e i gipeti e i galli cedroni sopravvissuti al lungo Postglaciale dell’uomo. È l’anima selvatica della montagna ancestrale che sembra ridestarsi, con le mandrie di cervo e di stambecco che tornano ad essere protagoniste sui grandiosi palcoscenici loro appartenuti da prima che la storia iniziasse.

    Mostra: I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE

    Organizzazione: CAI Veneto – CAI Comitato Scientifico Centrale – CAI Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano – Sezioni CAI di Asiago, Mirano, Livinallongo del Col di Lana e Agordo

    Luogo di allestimento: Centro di formazione per la Montagna “Bruno Crepaz” al Passo Pordoi

    Periodo: 1 agosto – 29 agosto 2010

    Orari di apertura: tutti i giorni 10 – 17,00

    Ingresso Libero e Gratuito

    Scarica qui l’invito alla Mostra (in pdf)

    Lozzo di Cadore (BL) – 16/07/2010 Omaggio a Rigoni Stern – 13/08/2010 Dolomiti tra passato e presente – Due incontri con Ugo Scortegagna

    Ugo Scortegagna, venerdì 16 luglio 2010 alle ore 20.45 presso l’Auditorium cittadino di Lozzo di Cadore, condurrà la serata “Omaggio a Mario Rigoni Stern” in cui si susseguiranno proiezioni di filmati, interviste, testimonianze e documentari sul grande maestro. Organizzazione in collaborazione con la Sezione di Lozzo del CAI, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Lozzo di Cadore e con il CAI Veneto. Ingresso libero.

    Lo stesso relatore, venerdì 13 agosto 2010 alle ore 20.45 presso l’Auditorium cittadino di Lozzo di Cadore, presenterà al pubblico “Dolomiti tra passato e presente”, la storia geologica delle montagne più belle del Mondo, Sito Unesco Patrimonio dell’Umanità. Organizzazione in collaborazione con la Sezione di Lozzo del CAI, l’Assessorato alla Cultura del Comune di Lozzo di Cadore e con il CAI Veneto. Ingresso libero.

    Volantini delle due conferenze (in pdf)

    Locandine delle due conferenze (in pdf)

    Mostra fotografica “I grandi animali selvatici delle montagne italiane” ad Auronzo di Cadore

    Nelle valli remote delle Alpi, sugli sconfinati versanti forestali dell’Appennino, sulle rupi e nelle forre, nelle foreste silenziose, tra le ombre azzurre della sera e nelle tenebre delle notti senza luna,misteriosi animali risorti da un passato che ritenevamo estinto, si muovono alla ricerca di nuove dimore. Sono i Grandi Animali; sono gli orsi tornati dalla Slovenia e dalla Carinzia, sono le linci che migrano solitarie, ma anche le aquile che popolano nuovamente i cieli e i gipeti e i galli cedroni sopravvissuti al lungo Postglaciale dell’uomo. È l’anima selvatica della montagna ancestrale che sembra ridestarsi, con le mandrie di cervo e di stambecco che tornano ad essere protagoniste sui grandiosi palcoscenici loro appartenuti da prima che la storia iniziasse.

    Mostra: I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE

    Organizzazione: CAI Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano – Sezione CAI di Auronzo – Comune di Auronzo – Museo Palazzo Corte Metto

    Luogo di allestimento: Museo Palazzo Corte Metto (Auronzo di Cadore)

    Periodo: 26 giugno – 30 luglio 2010

    Orari di apertura: tutti i giorni 10 – 12,30 / 15,30 – 19,30

    Ingresso Libero e Gratuito

    Scarica qui l’invito alla Mostra (in pdf)

    Manifesto della Mostra Fotografica (in pdf)

    3-4 luglio 2010 – Fine settimana naturalistico al Rifugio Dal Piaz (Vette Feltrine) alla lettura del paesaggio alpino

    Sabato 3 e Domenica 4 luglio 2010 si svolgerà, a cura dell’ONC Luca De Bortoli, un fine settimana naturalistico al rifugio Dal Piaz (Vette Feltrine) volto alla lettura del Paesaggio Alpino e aperto a tutti.

    Questo il programma:

    “LA LETTURA DEL PAESAGGIO ALPINO”. Escursioni Naturalistiche per un fine settimana alla scoperta delle Alpi Feltrine a cura di LUCA DE BORTOLI con gli ONC del Veneto (Operatori Naturalistici e Culturali).

    Sabato:

    Arrivo indicativo in rifugio alle ore 15.30

    Dalle 16.00 alle 18.30: Esplorazione naturalistica nella Busa delle Vette (breve giro da Passo Vette Grandi fino a Malga Vette Piccole passando per il grande arco morenico e la Faora)

    Ore 20.30: Lezione/Conferenza sulla formazione e il modellamento del paesaggio delle Dolomiti Bellunesi e in particolare delle Vette Feltrine

    Domenica:

    Ore 7.00: Colazione

    Ore 7.30: Escursione naturalistica lungo la cresta delle Vette Grandi e il Col di Luna fino al Monte Pavione, quindi ritorno in rifugio per strada militare attraversando le caratteristiche conche glacio-carsiche dette “Buse” (riconoscimento delle rocce e dei meccanismi di trasformazione del paesaggio, dalla geologia alla vegetazione)

    Ore 12.30: Pranzo facoltativo in rifugio

    Per informazioni e/o iscrizioni scrivere a lucadebortoli@email.it o contattare il gestore ai numeri telefonici 0439 9065 o 348 2208808.

    AGGIORNAMENTO 2010 PER ONC del Veneto e Friuli Venezia Giulia in Comelico

    Il Comitato Scientifico Veneto Friulano e Giuliano del Club Alpino Italiano organizza con la collaborazione della sezione CAI Val Comelico un aggiornamento per Operatori Naturalistici e Culturali  VFG nei  giorni sabato 26 e domenica 27 giugno 2010 a Padola di Comelico superiore Provincia di Belluno Veneto.

    Il tema dell’aggiornamento sarà IL BOSCO BOREALE DI MONTAGNA E LE TORBIERE ALPINE, relatori saranno Gianni Frigo dott. Forestale e presidente del CSFVG, la dottoressa Chiara Siffi e l’esperto locale Achille Carbogno.

    Il sabato ci saranno le lezioni teoriche e nel pomeriggio una visita a tema alle torbiere di Danta di Cadore, la domenica invece un’escursione naturalistica giudata nei boschi al confine tra Veneto, Alto Adige ed Austria tra il Passo Montecroce Comelico e le Malghe Coltrondo e Nemes.

    Priorità d’iscrizione agli ONC VFG sino al 30 di Aprile poi possibilità per tutti gli ONC e gli operatori TAM che fossero  interessati alla proposta sino al raggiungimento dei posti disponibili.

    Referente organizzativo Davide Berton.

    Programma definitivo dell’Aggiornamento per ONC del 2010 in Comelico (.doc)

    Modulo di Iscrizione all’Aggiornamento in Comelico e note logistiche (.doc)

    Locandina (.doc) della serata “Alla ricerca del lago perduto” di A. Carbogno (26 giugno 2010, ore 21.00 a Padola)

    Giornata del Solstizio – 20 Giugno 2010 – “I Grandi Alberi ai piedi del Paradiso: itinerario ad anello tra il Monte Avena e i Paradisi” con la Sezione di Belluno

    La Commissione Cultura della Sezione di Belluno del C.A.I. organizza per Domenica 20 Giugno 2010 una escursione naturalistica nel Feltrino, ai piedi delle Vette Feltrine, alla ricerca degli alberi plurisecolari. L’itinerario, ad anello, inizia e si conclude al Passo Croce d’Aune.

    DISLIVELLO IN SALITA: circa 800 m; altrettanti in discesa.

    ORE DI EFFETTIVO CAMMINO: 6

    DIFFICOLTÁ: E – nessuna difficoltà; è comunque richiesto un minimo di allenamento e di esperienza di montagna

    EQUIPAGGIAMENTO: obbligatori scarponi o pedule, giacca a vento, mantella o ombrello, borraccia, viveri, ricambio di biancheria. Facoltative ma consigliate le racchette telescopiche

    Gita Naturalistica per la Giornata del Solstizio – I Grandi Alberi ai piedi del Paradiso: itinerario ad anello tra il Monte Avena e i Paradisi (programma dettagliato in pdf)

    Giornata del Solstizio – 20 Giugno 2010 – DOLOMITI AMPEZZANE: Sentiero del Kaiserjager e Galleria del Lagazuoi con la Sezione di Mirano

    La Sezione di Mirano organizza per la Giornata del Solstizio d’Estate, 20 Giugno 2010, una escursione sulle Dolomiti Ampezzane lungo il Sentiero del Kaiserjager e la Galleria del Lagazuoi.

    Si percorre  il vecchio sentiero, ora ripristinato che fungeva da comunicazione per l’invio di viveri, munizioni e materiale alle postazioni austriache, poste sul Lagazuoi. Il ritorno si effettuerà lungo le Gallerie del Lagazuoi, con visita alla Cengia Martini. Spettacolare itinerario tra panorami mozzafiato e percorsi nella storia. Si consiglia a persone prive di senso di vertigine (Questi possono salire e/o scendere al/dal Lagazuoi utilizzando la funivia.

    Escursione sul Lagazuoi – 20 Giugno 2010 – Programma dettagliato (in doc)

    Giornata del Solstizio 2010 – Escursione naturalistica a Ra Stua, Alpe di Lerosa e Croda de R’Ancona (Sezione CAI di Camposampiero)

    Domenica 20 giugno 2010

    GIORNATA DEL SOLSTIZIO

    Sezione di Camposampiero

    Escursione naturalistica RA STUA, ALPE DI LEROSA E CRODA DE R’ANCONA (Parco Naturale Dolomiti D’Ampezzo)

    Dislivello totale in salita: metri 750

    Difficoltà: E, sentieri e mulattiere facili con tratti ripidi e d’alta quota

    Tempo totale di percorrenza: 6 ore

    Partenza: ore 6:00 da Camposampiero (con mezzi propri)

    Accompagnatori: Davide Berton Operatore Naturalistico Culturale – Chiara Siffi Operatore Naturalistico Culturale – Antonio Rettore Operatore Naturalistico Culturale – Flavio Binotto

    Per informazioni: Davide Berton davideberton@libero.it

    Per iscrizioni:  Flavio Binotto e Antonio Rettore, mercoledì sera in sede CAI a Camposampiero (tel. 049.9301212), oppure davideberton@libero.it

    Programma escursione Giornata del Solstizio 2010 all’Alpe di Lerosa (in doc)

    Mostra fotografica “I grandi animali selvatici delle montagne italiane” a San Donà di Piave

    L’Associazione Naturalistica Sandonatese e la Sezione di San Donà di Piave del CAI organizzano a San Donà di Piave presso il centro commerciale “Piave” dal 17 maggio al 3 giugno l’esposizione della mostra fotografica “I grandi animali selvatici delle montagne italiane”. L’inaugurazione avverrà lunedì 17 maggio alle ore 18.00.

    Nelle valli remote delle Alpi, sugli sconfinati versanti forestali dell’Appennino, sulle rupi e nelle forre, nelle foreste silenziose, tra le ombre azzurre della sera e nelle tenebre delle notti senza luna, misteriosi animali risorti da un passato che ritenevamo estinto, si muovono alla ricerca di nuove dimore.

    Sono i Grandi Animali; sono gli orsi tornati dalla Slovenia e dalla Carinzia, sono le linci che migrano solitarie, ma anche le aquile che popolano nuovamente i cieli e i gipeti e i galli cedroni sopravvissuti al lungo Postglaciale dell’uomo. E’ l’anima selvatica della montagna ancestrale che sembra ridestarsi, con le mandrie di cervo e di stambecco che tornano ad essere protagoniste sui grandiosi palcoscenici loro appartenuti da prima che la storia iniziasse.

    A loro è dedicata la mostra fotografica organizzata dall’Associazione Naturalistica Sandonatese e dalla sezione CAI di San Donà di Piave.

    La mostra, idealmente dedicata a Mario Rigoni Stern, interprete di un rapporto tra Uomo e Ambiente Montano di antica armonia, è l’esito del concorso fotografico organizzato su questo stesso tema.

    Le opere rimarranno esposte fino al 03 giugno presso il Centro Commerciale Piave. Una scheda consentirà ai visitatori di esprimere la propria preferenza per una delle opere esposte. La più votata riceverà il trofeo dedicato a Mario Rigoni Stern.

    Il catalogo della mostra, con le splendide foto, sarà disponibile presso la Libreria COOP.

    OBBIETTIVO NATURA – Concorso fotografico per studenti universitari organizzato dall’AUSF di Padova

    L’Associazione Universitaria Studenti Universitari organizza il Concorso fotografico per studenti universitari “OBBIETTIVO NATURA”, con scadenza di presentazione delle opere venerdì 14 maggio 2010.

    Maggiori informazioni ai link qui sotto e nel sito www.ausfpadova.altervista.org

    Obbiettivo Natura 2010 – Locandina del Concorso (in pdf)

    OBBIETTIVO NATURA 2010 – Regolamento e scheda di partecipazione (in pdf)

    OBBIETTIVO NATURA – Rules and entry form (in English – pdf)

    “Il Fiume Piave: aspetti geografici, ecologici, storici” – Corso di formazione a Noventa di Piave (VE)

    CORSO: Il Fiume Piave: aspetti geografici, ecologici, storici – Corso didattico-formativo

    SEDE: Sala polivalente del Centro Didattico “Il Pendolino” – Via Romanziol, 130 – Noventa di Piave (VE) – Ore 20,45

    PERIODO: Marzo-Maggio 2010

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: Brochure Corso “Il Fiume Piave” (pdf)

    Premi GISM “Gruppo Italiano Scrittori di Montagna” – 2010

    Il GISM – “Gruppo Italiano Scrittori di Montagna – Accademia di Arte e Cultura Alpina” – bandisce per il 2010 un concorso a premi per un’opera di narrativa di montagna in memoria di Adolfo Balliano (Seconda Edizione). Scarica qui il Regolamento del Premio Adolfo Balliano 2010

    Il G.I.S.M. – “Gruppo Italiano Scrittori di Montagna – Accademia di Arte e Cultura Alpina” – bandisce il concorso a premio “Giovanni De Simoni 2010″ (23a edizione) con lo scopo di sostenere, incrementare ed evidenziare l’attività alpinistica effettuata nello spirito di quanto affermato nel “Manifesto” votato nel Congresso Nazionale del Gruppo, svoltosi ad Agordo nel 1987. Scarica qui il regolamento del Premio Giovanni De Simoni 2010

    Incontro con l’alpinista, fotografo, cineasta KURT DIEMBERGER – Venerdì 16 aprile 2010 ore 20,45 – Teatro Villa dei Leoni – MIRA (VE)

    “DANZARE SULLA CORDA” – Presentazione di

    KURT DIEMBERGER, alpinista, fotografo, cineasta

    Venerdì 16 aprile 2010 a Mira (VE) presso il Teatro della Villa dei Leoni – ore 20,45

    Kurt Diemberger è uno dei più forti alpinisti che ha caratterizzato la storia dell’alpinismo. Fa parte di quella generazione che ne ha viste di tutti i colori. Autentico testimone dell’alpinismo di prima maniera, quello esplorativo, soprattutto nelle cime Himalayane, quando giovanissimo scalò con il grandissimo Hermann Buhl in prima assoluta il Broad Peak e il Dhaulagiri. Molte le sue ascensioni anche in cime “minori” ma sempre con lo spirito pioneristico e avventuroso. Moltissime le sua ascensioni nelle Alpi sia Orientali, ma soprattutto Occidentali. Scrisse pagine di autentico alpinismo nel Gruppo del Monte Bianco. Cineasta, regista e scrittore di grande talento e originalità. Assistere ad una sua conferenza è uno dei più bei momenti che un appassionato di montagna può vivere. Pertanto non potete mancare a questo importante appuntamento.

    APERITIVO CON L’ALPINISTA

    Alle ore 19,00 c’è la possibilità di conversare con lui, attraverso un aperitivo, presso l’Hotel Villa Franceschi a Mira Porte – Via Don Minzoni, 28. L’invito è solo su appuntamento.

    Scarica qui l’invito all’evento (in pdf)

    Scarica qui la locandina dell’evento (in pdf)

    Kurt Dienberger

    Inaugurazione della MOSTRA FOTOGRAFICA “I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE” e presentazione del volume fotografico “EMOZIONI in NATURA: IMMAGINI e SUGGESTIONI della MONTAGNA VENETA … e non SOLO” a MIRA (VE)

    Mostra: I GRANDI ANIMALI SELVATICI DELLE MONTAGNE ITALIANE

    Organizzazione: CAI Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano – Centro Studi Riviera del Brenta

    Luogo di allestimento: Oratorio Gentilizio Villa Contarini Pisani dei Leoni (MIRA)

    Periodo: 29 marzo – 18 aprile 2010

    Inaugurazione: lunedì 29 marzo ore 19,30

    Questa mostra raccoglie le fotografie pervenute al Primo Concorso Fotografico, proposto in omaggio di Mario Rigoni Stern. Il tema scelto è di quelli a Lui cari: I GRANDI ANIMALI DELLE MONTAGNE ITALIANE. La partecipazione è stata più che soddisfacente, con ben 38 partecipanti da tutta Italia, per un numero complessivo di 125 scatti.

    Orari di apertura:

    Sabato, Domenica e Festivi 10 – 12 / 15 – 18

    Scolaresche su prenotazione nei giorni feriali contattare: 3332678850

    Ingresso Libero e Gratuito

    A seguire: LUNEDÌ 29 MARZO 2010

    TEATRO DI VILLA DEI LEONI (Mira) – Ore 21,00

    EMOZIONI in NATURA: IMMAGINI E SUGGESTIONI DELLA MONTAGNA VENETA … E NON SOLO

    Interverrà Gianni FRIGO, Presidente del Comitato Scientifico Veneto Friulano e Giuliano e GRUPPO NATURALISTICO CAI BASSANO DEL GRAPPA

    Allieteranno la serata le note musicali del gruppo:

    À rebours trio (Mira)

    Scarica qui la locandina della serata (in pdf)

    Ingresso Libero e Gratuito

    Scarica qui l’invito alle due iniziative (in pdf)

    “LA MEDICINA DEI SEMPLICI – Le piante officinali dei nostri monti” – Corso organizzato dalla Sezione CAI di Mirano

    CORSO: LA MEDICINA DEI SEMPLICI – Le piante officinali dei nostri monti

    SEDE: Mirano (VE) – Aula Magna di Villa Belvedere (presso Sede CAI)- Ore 20,45

    PERIODO: Febbraio-Marzo 2010

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: LA MEDICINA DEI SEMPLICI – Brochure in pdf

    LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Corso organizzato dalle sezioni CAI di Camposampiero, Castelfranco Veneto e Cittadella

    Corso Naturalistico, Didattico-Formativo di 10 incontri per i soci e la collettività

    CORSO: LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Animali selvatici delle Alpi Orientali

    SEDE: Camposampiero (PD) – Sala Filarmonica – Ore 20,45

    PERIODO: Gennaio-Marzo 2010

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: LA GRANDE FAUNA DELLE ALPI – Brochure in pdf

    BOSCHI E ALBERI DELLE ALPI – Corso organizzato dalle sezioni CAI di S. Vito al Tagliamento e Codroipo

    CORSO: BOSCHI E ALBERI DELLE ALPI

    SEDE: Sezione CAI di San Vito al Tagliamento (Prima parte) e Oratorio Parrocchiale Via Balilla Codroipo (Seconda parte) – Ore 20,45

    PERIODO: Ottobre 2009-Febbraio 2010

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: Corso boschi e alberi delle Alpi – S. Vito al Tagliamento/Codroipo 2009/10 (in pdf)

    In Cansiglio sopra e sotto: i segreti della grande foresta – Serata con Toio De Savorgnani a Mira (VE)

    Quando: VENERDI’ 19 febbraio – Ore 20,45

    Dove: TEATRO VILLA DEI LEONI – MIRA

    IL CANSIGLIO SOPRA E SOTTO

    I SEGRETI DELLA GRANDE FORESTA

    Filmati a cura di Veneto Agricoltura

    Interverranno Toio de SARVOGNANI e i registi dei film

    Si propongono due filmati prodotti da VENETO AGRICOLTURA, l’azienda regionale che da anni si occupa della gestione. Il primo documentario sotto la regia di Loris Mora e la fotografia di Enzo Procopio è il risultato di tre anni di pazienti appostamenti nel cuore selvaggio del Cansiglio per svelare i segreti di un misterioso universo e di un mondo invisibile a prima vista, ma brulicante di vita soprattutto con il sopraggiungere delle tenebre. Il secondo filmato, realizzato da Tullio Bernabei e Antonio De Vivo, viene dedicato un ampio spazio alla descrizione del mondo sotterraneo.

    Con questo primo appuntamento inizia la 16a edizione di AmMIRA la MONTAGNA. Iniziativa che parte dalla fattiva collaborazione dell’AMMISTRAZIOEN COMUNALE DI MIRA, Assessorato alla Cultura con le sezioni locali del CLUB ALPINO ITALIANO, quella di MIRANO e di DOLO.

    Locandina conferenza “Il Cansiglio sopra e sotto” 19/02/2010 (pdf)

    “Le piante officinali delle nostre montagne venete” – Incontro introduttivo al Corso a cura di Anacleto Boranga – Mirano, 12/02/2010

    Data e ora: Venerdì 12 Febbraio 2010 – ore 20,45

    Luogo: Mirano (VE) – Auditorium Scuola Media Leonardo Da Vinci

    Incontro di presentazione del corso di formazione “La Medicina dei Semplici: le piante officinali dei nostri monti”, organizzato dalla Sezione di Mirano del CAI, in collaborazione con il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, la Commissione TAM Veneta e il Comune di Mirano.

    Serata introduttiva aperta a tutti.

    Relatore: Anacleto Boranga (ON-CAI Belluno)

    Locandina “Le piante officinali delle nostre montagne venete” (pdf)

    PREMIAZIONE Concorso Fotografico in omaggio a Mario Rigoni Stern – Asiago 19/12/2009

    La cerimonia di premiazione del 1° Concorso Fotografico sui grandi animali delle montagne italiane dedicato a Mario Rigoni Stern è fissata per sabato 19 dicembre 2009, presso la SALA CONSIGLIARE di ASIAGO alle ore 17,00. In quell’occasione si inaugurerà anche la prima mostra fotografica, che poi sarà itinerante in altre sedi per tutto il 2010. Le opere in mostra saranno valutate da una giuria popolare, per assegnare il trofeo Mario Rigoni Stern.

    Invito alla premiazione e all’inaugurazione della Mostra – Asiago 19/12/2009

    BOSCHI E ALBERI DELLE ALPI – Corso organizzato da Sezione CAI di Mestre, Comune di Venezia e Municipalità di Marghera

    CORSO: BOSCHI E ALBERI DELLE ALPI

    SEDE: Municipalità di Marghera – Via della Rinascita n. 96 – Marghera (VE) – Ore 20,45

    PERIODO: Ottobre-Dicembre 2009

    PROGRAMMA e ISCRIZIONI: Boschi e Alberi del Veneto – Brochure in pdf

    “Incontro con la Geologia” – Corso di formazione a Conegliano

    Sede: Sezione CAI di Conegliano dalle ore 21.00
    Periodo: 2 Ottobre – 7 Dicembre 2009
    Organizzato dal Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano con le Sezioni CAI di Conegliano, Oderzo, Pieve di Soligo e Vittorio Veneto e il patrocinio della Città di Conegliano.

    Se vuoi conoscere o approfondire le tua conoscenze sul mondo della montagna o della terra in senso lato (come sono nate le montagne, di cosa sono fatte, perché hanno quella forma ecc.), il Comitato Scientifico
    VFG del CAI in collaborazione con le sezioni CAI di CONEGLIANO, ODERZO, VITTORIO VENETO e PIEVE DI SOLIGO, propone per i mesi di ottobre-dicembre 2009, un corso che ha come tema la geologia.
    Gli incontri vogliono essere una introduzione alla scoperta di quelle particolarità che spesso pongono degli interrogativi sulla fragilità dell’umano; basti pensare al tempo geologico, al fenomeno della fossilizzazione, alla genesi delle montagne al loro smantellamento ecc.
    Il corso è aperto a tutti coloro che desiderano ampliare le proprie conoscenze sull’ambiente terrestre, in particolare quello montano, perché è qui che la geologia si esprime e si manifesta in molti dei suoi aspetti.
    Il corso è strutturato in due parti, una di base per appropriarsi dei concetti fondamentali dell’argomento ed una seconda parte dove vengono approfonditi alcuni temi specifici, facendo intervenire più relatori.

    “Incontro con la Geologia” – Programma e modulo di iscrizione

    Rinnovo del Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano

    Durante il 129° Convegno delle Sezioni Venete-Friulane-Giuliane, fissato per domenica 8 novembre 2009 a Cividale del Friuli con inizio alle ore 9.30 (verifica dei poteri a partire dalle ore 8.30) saranno eletti:

    ORGANI TECNICI PERIFERICI OPERATIVI (OTPO) A LIVELLO INTERREGIONALE (in allegato l’elenco dei nominativi in scadenza)

    –          Commissione Scuole di alpinismo, sci alpinismo e a.l. (nove componenti)

    –          Commissione Alpinismo giovanile (nove componenti)

    –          Commissione Sci fondo escursionismo (sette componenti)

    –          Commissione Medica (sette componenti)

    –          Comitato scientifico (sette componenti)

    Ai sensi dell’art. 18 dello Statuto del Raggruppamento Regionale del Veneto e art. 16 dello Statuto del Raggruppamento Regionale Friuli Venezia Giulia, le proposte di candidature sono libere. Possono essere avanzate dall’interessato e dalle Sezioni facenti parte dei Raggruppamenti Regionali del Veneto e del Friuli Venezia Giulia. Le proposte devono essere effettuate utilizzando esclusivamente il modulo allegato, che può essere riprodotto, purché non se ne alterino i contenuti. Le proposte di candidature devono pervenire in busta chiusa, a mezzo posta non raccomandata o a mano, ad ambedue le segreterie dei Gruppi Regionali (vedi indirizzi in calce alla presente) entro e non oltre il giorno 26 ottobre 2009. Possono essere anticipate a mezzo fax o posta elettronica, ma dovrà seguire comunque l’originale. Le candidature avanzate su moduli incompleti o illeggibili ovvero pervenute oltre il termine fissato, non saranno prese in considerazione.

    CONVEGNO Cividale 8-11-09 – Richiesta candidature in doc

    CONVEGNO Cividale 8-11-09 – Organi in scadenza in doc

    CONVEGNO Cividale 8-11.09 – Modulo candidature in doc

    CONVEGNO Cividale 8-11-09 – Note per compilazione modulo candidature in doc

    1° CONCORSO FOTOGRAFICO dedicato a Mario Rigoni Stern

    Tema: I grandi animali selvatici delle montagne italiane

    Termine per la presentazione delle opere: Sabato 31 ottobre 2009

    Premiazione e prima mostra: dicembre 2009 ad Asiago

    Esposizione delle migliori immagini in più sedi: anni 2009 e 2010

    Il concorso è aperto a tutti. Ogni partecipante potrà presentare al massimo 4 opere.

    Il concorso è organizzato dal Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, dalle Sezioni di Mirano e Asiago del CAI, dall’Associazione Fotografi Naturalisti Italiano di Venezia e dall’Associazione Naturalistica Sandonatese.

    1° Concorso fotografico Mario Rigoni Stern 2009 – Regolamento e scheda di partecipazione

    La lettura dell’ambiente Alpino – Corso di aggiornamento per accompagnatori sezionali – Marzo/Ottobre 2009 – Sez. vicentine

    Il progetto formativo per gli accompagnatori sezionali è nato dal confronto maturato all’interno della Commissione Escursionismo dell’Associazione delle Sezioni Vicentine del Club Alpino Italiano. Presso le Sezioni operano molti soci che collaborano nell’attività escursionistica, volontariamente e in base alla personale esperienza. L’attività dei volontari è preziosa e va sostenuta, aumentando le occasioni di crescita e di incontro. L’esigenza di una formazione, per essere in grado di condurre escursioni più agevolmente e in maggiore sicurezza, è fortemente avvertita nelle Sezioni.

    Un buon accompagnatore non deve possedere solamente competenze ed esperienze tecniche per assicurare la conduzione in sicurezza delle escursioni; è anche necessario, ma non ancora sufficiente, che possieda capacità organizzative e attitudine alle relazioni interpersonali; è infine necessario che abbia specifiche conoscenze culturali sull’ambiente alpino e capacità didattica ed educativa, per aiutare le persone che egli accompagna a “leggere” (osservare ed apprendere) i luoghi attraversati e fruirne in modo equilibrato, consapevole e rispettoso.

    Cosciente di questo, dopo il primo corso di aggiornamento dedicato alla “Organizzazione e conduzione delle escursioni sezionali” (ottobre 2008), la Commissione Escursionismo propone per l’anno 2009 una serie di incontri che hanno come obiettivo la crescita degli accompagnatori sul piano culturale, intesa come capacità di osservare e comprendere gli aspetti naturalistici (geologia, botanica, zoologia) e antropici (la dimensione culturale, storica e socioeconomica) dell’ambiente frequentato durante le escursioni.

    DESTINATARI

    L’iscrizione è riservata ai soci che collaborano all’attività escursionistica sezionale, svolgendo funzioni di accompagnamento, organizzazione e conduzione di escursioni.

    La lettura dell’Ambiente Alpino – Modalità e Programma

    Il Centro Bruno Crepaz al Pordoi

    Con la fine di maggio è ripresa l’attività presso il CENTRO BRUNO CREPAZ al Passo Pordoi. Numerose sono le Scuole di alpinismo e le Commissioni che hanno già prenotato per i loro corsi o per un pernottamento in occasione di un’escursione nelle Dolomiti. In allegato alla presente, trovate il foglio col prezziario 2009 e le modalità di prenotazione. Per venire incontro ai soci partecipanti, i prezzi sono rimasti invariati rispetto allo scorso anno, anche se, essendo chiuso l’Albergo Casa Alpina, i gruppi usufruiranno del servizio di reception e ristorazione del vicino HOTEL SAVOIA. Inoltre, gli Organi Tecnici Operativi Centrali e Periferici, che convocheranno le loro riunioni presso il Centro Crepaz, usufruiranno di un ulteriore sconto.

    Giuseppe Cappelletto

    Centro “Bruno Crepaz” prezzi 2009 e note per la fruizione

    IL VENTO FA IL SUO GIRO di Giorgio Diritti – Proiezione a Lozzo di Cadore il 13/08/2009

    La Sezione CAI di Lozzo di Cadore, il Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano del CAI e il Comune di Lozzo di Cadore organizzano per il 13 Agosto 2009, alle ore 21.00 presso il locale Auditorium, la proiezione del film “Il vento fa il suo giro” del regista Giorgio Diritti.

    Nel contesto montano delle Alpi occitane italiane, Chersogno è un piccolo villaggio la cui sopravvivenza è legata ad alcune persone anziane ed ad un fugace turismo estivo. In questa piccola comunità arriva un pastore francese, accompagnato dalla sua giovane famiglia, le sue capre e la sua piccola attività da imprenditore formaggiaio. Ben accolto, se pur non a braccia aperte, il suo arrivo diventa la dimostrazione di una possibile rinascita del paese. Ma, un po’ alla volta, le condizioni di vita divengono sempre più difficili, tra incomprensioni, rigidezze e un pizzico di invidia. Alcuni tra gli abitanti iniziano a sentire troppo ingombrante questa nuova presenza, ed una serie di vicissitudini portano il paese a divedersi in due.

    Locandina dell’iniziativa (in pdf)

    Le dolomiti incontrano l’Africa – Tre Cime di Lavaredo 5 luglio 2009

    CATENA UMANA ATTORNO ALLE TRE CIME DI LAVAREDO – UOMINI E DONNE SI TENGONO PER MANO PER L’AFRICA

    Domenica 5 Luglio 2009 – ore 12.00

    Tre Cime

    PERCHE’ LE DOLOMITI? Le Dolomiti rappresentano il punto d’incontro naturale tra Africa ed Europa: queste montagne uniche al mondo sono infatti nate 230 milioni di anni fa proprio a causa delle forze sollevatrici dovute all’incontro tra le placche di Africa ed Europa. Possono dunque rappresentare la cerniera naturale tra i continenti, un luogo d’incontro simbolico creato da madre natura.

    PERCHE’ LE TRE CIME DI LAVAREDO? Le Tre Cime di Lavaredo, montagne celebri in tutto il mondo quale simbolo delle Dolomiti, rappresentano una trinità naturale che si eleva verso il cielo. Da sanguinoso teatro della Grande Guerra, diverranno simbolo di pace, giustizia e uguaglianza di diritti per l’Africa. A gran voce, uomini e donne che si terranno per mano in un abbraccio simbolico tra i due continenti, chiederanno questi diritti e questo impegno di giustizia ai rappresentanti degli 8 Grandi della Terra che si riuniranno due giorni dopo per il Summit G8 de L’Aquila. L’elevazione delle cime verso il cielo condurrà queste voci di speranza verso l’Infinito. Al contempo, questa trinità naturale può simboleggiare tre degli Obiettivi di Sviluppo del Millennio che legano indissolubilmente nei loro contenuti i destini dei due continenti:

    1. SRADICARE LA POVERTA’ ESTREMA E LA FAME

    2. GARANTIRE LA SOSTENIBILITA’ AMBIENTALE (ivi compreso l’accesso all’acqua potabile)

    3. SVILUPPARE UN PARTENARIATO MONDIALE PER LO SVILUPPO

    Organizzatori, promotori, aderenti: Comune di Auronzo di Cadore, ONG Associazione Gruppi “Insieme si può…”, AGESCI (Associazione Guide e Scout Cattolici Italiani), Amnesty International, Jardin de Los Ninos Onlus, Centri Missionari Diocesani del Triveneto, Centro Missionario Diocesano di Belluno-Feltre, Movimento Giovanile Missionario, Banca Etica, SFT, Incontro fra i popoli, C.A.I. (Club Alpino Italiano), C.N.S.A.S. (Corpo Nazionale Soccorso Alpino e Speleologico), ACLI, Mani Tese.

    POSSIBILI EVENTI LOCALI CORRELATI IN FASE DI DEFINIZIONE Concerti al Rifugio Auronzo: musicisti aderenti e partecipanti all’iniziativa, sia il 5 luglio sia nei giorni precedenti la Catena Umana e la Tavola Rotonda

    Mostra d’arte africana: Sala Esposizioni del Municipio di Auronzo

    Spettacoli: artisti ed attori aderenti e partecipanti all’iniziativa, sia il 5 luglio sia nei giorni precedenti la Catena Umana e la Tavola Rotonda.

    Le Dolomiti abbracciano l’Africa – Tre Cime 5 luglio 2009

    “I pascoli di Rozes” – Giornata del Solstizio – Sezione CAI di Cittadella

    Uscita naturalistica organizzata dalla Sezione CAI di Cittadella per il 21 giugno 2009 nell’ambito della “Giornata del Solstizio”.

    DISLIVELLO IN SALITA: 700 metri

    ORE: 5-6 ore

    DIFFICOLTA’: E, mulattiera, sentieri segnati.

    Si parte dal parcheggio del Cason di Rozes (m 1823), 3,5 km a valle del Passo Falzarego, si sale per ampia mulattiera di guerra (segnavia 402) che conduce in salita ai pascoli di Rozes e, in circa 2 ore, alla forcella Col dei Bos (m 2331). Da qui il percorso si sviluppa sotto le pareti meridionali del Castelletto e della Tofana di Rozes lungo il sentiero 404 sino in prossimità del rifugio Dibona (ore 1 dalla forcella). A circa 2100 metri si rientra verso il punto di partenza, seguendo il sentiero 412 che in attraversata a mezza costa avvicina zone più solitarie sino a ricongiungersi alla mulattiera percorsa a 2183 metri di quota (1 ora dal bivio presso il Dibona). Da qui si divalla per l’agevole mulattiera sino al parcheggio di Cason di Rozes.

    Descrizione e programma dettagliati “Giornata del Solstizio”

    Esperienze di Alpinismo Giovanile a confronto – Convegno Nazionale

    IL CAI NELLA SCUOLA:
    ESPERIENZE DI ALPINISMO GIOVANILE A CONFRONTO
    CONVEGNO NAZIONALE
    Sabato 9 maggio 2009 con inizio alle ore 9.00
    a MIRANO “Auditorium 8 Marzo” c/o Distretto Scolastico Scuole Superiori

    Manifesto Convegno

    PROGRAMMA
    9.00 Saluti delle autorità
    9.30 Francesco Carrer: CAI e MPI : una storia secolare
    9.50 Giancarlo Berchi: Un servizio per la scuola: i corsi per insegnanti
    10.20 Emilio Bertan: Le relazioni sul territorio: un passaggio chiave nell’approccio delle sezioni con il mondo della scuola
    10.40-11.00 Coffee break
    11.00-12.30 Presentazione di esempi di “Progetti scuola”
    per studenti scuola primaria (età 8 -11)
    per studenti scuola secondaria di primo grado (età 12-14)
    per studenti del primo secondaria di secondo grado (età 15-16)
    12.45-14.00 Pranzo a buffet
    14.00 -15.00 Prima tavola rotonda: “L’opinione dei protagonisti”
    moderatore Francesco Abbruscato
    15.00- 16.00 Seconda tavola rotonda: “L’analisi degli esperti”
    moderatore Aldo Scorsoglio
    16.00-16.30 Conclusione lavori

    Invito al Convegno

    Comunicato Stampa Convegno

    “La vita dell’uomo nell’ambiente alpino” – Corso nazionale di aggiornamento per insegnanti

    A Bienno (BS), dal 19 al 22 Aprile 2009

    La presenza dell’uomo nelle terre alte si è stratificata nel tempo attraverso segni culturali. Questo corso di aggiornamento nazionale per insegnanti ha lo scopo di fornire delle linee guida per interpretare i segni che, nei secoli, l’uomo ha lasciato sul territorio alpino, sede di fenomeni insediativi fin dagli albori della società umana.
    Una proposta di andare per le terre alte visitando i luoghi e cogliendo le testimonianze che l’uomo ha lasciato in diverse epoche storiche, leggendone le connessioni con la storia sociale e l’utilizzo del territorio. L’importanza di sensibilizzare i giovani verso questi aspetti, e verso la tutela ambientale in generale, spinge gli enti locali e le sezioni del CAI a sviluppare interessanti progetti di divulgazione e didattica ambientale a cui le scuole sul territorio possono aderire.
    Il corso di aggiornamento è inteso anche a proporre agli insegnanti un metodo adeguato per usufruire al meglio di tali progetti e per approfondirne i contenuti. In quest’ottica il CAI rappresenta una risorsa importante, per la profonda conoscenza del territorio acquisita dai suoi Operatori Naturalistici ed esperti di Tutela dell’Ambiente Montano, e per la possibilità di organizzare uscite integrative e mirate con il supporto degli Accompagnatori di Alpinismo Giovanile.
    Da questa collaborazione deriva per i docenti non soltanto l’opportunità di personalizzare i progetti di educazione ambientale, ma anche la possibilità di apprendere quanto necessario per una corretta e sicura conduzione dei gruppi sul territorio extraurbano.
    Il corso sarà articolato in attività in aula, pari al 35% del monte ore, ed attività pratiche in ambiente pari al 65% del monte ore, curate da docenti qualificati del CAI e figure professionali che operano con, e per, la scuola.

    Aggiornamento organizzato dalla Commissione Centrale Alpinismo Giovanile e dalla Scuola Centrale di Alpinismo Giovanile in collaborazione con la Commissione Centrale Tutela Ambiente Montano e con il Comitato Scientifico Centrale.

    Programma e scheda d’iscrizione Corso di aggiornamento per insegnanti “La vita dell’uomo nell’ambiente alpino”

    Aspetti medici nell’attività di accompagnamento in ambiente montano – Sabato 7 Marzo 2009 – Sezione di Mirano

    La Sezione di Mirano in collaborazione con la Commissione Medica Veneto Friulana e Giuliana organizza per Sabato 7 Marzo 2009 presso l’ex Scuola Petrarca, di fronte all’ufficio postale di Mirano, una giornata di aggiornamento per accompagnatori sezionali di Escursionismo, Alpinismo, Alpinismo Giovanile, Capigita, Operatori Naturalistici e Operatori TAM, dal tema “Aspetti medici nell’attività di accompagnamento in ambiente montano”.

    Aspetti Medici nell’attività di accompagnamento in ambiente montano – Programma

    Aspetti Medici nell’attività di accompagnamento in ambiente montano – Modulo di iscrizione

    Omaggio a Mario Rigorni Stern – 16 aprile 2009 a Mira (VE)

    Giovedì 16 aprile 2009 alle ore 20.45, presso il Teatro di Villa dei Leoni a Mira (VE), si terrà una serata in ricordo del grande letterato e conoscitore della montagna Mario Rigoni Stern. Interverrà l’amico e conterraneo Gian Antonio Stella. L’organizzazione è a cura del Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, della Sezione di Mira del CAI e dell’Assessorato alla Cultura del Comune di Mira.

    Locandina “Omaggio a Mario Rigoni Stern” – Mira (16/04/2009)

    Aperto un conto corrente di solidarietà a favore delle vittime del terremoto abruzzese

    Il Club Alpino Italiano si mobilità per aiutare l’Abruzzo, tra le prime azioni concrete è stato
    aperto un conto corrente per raccogliere fondi a favore delle vittime del terremoto.
    Il Presidente Generale Annibale Salsa esprimendo il proprio cordoglio per le vittime e piena
    solidarietà alla popolazione e ai soci abruzzesi del CAI colpiti dal terremoto ha dichiarato:
    “Ancora una volta la montagna è al centro di un accadimento naturale tragico. Il CAI è vicino
    alla popolazione delle Terre Alte dellʼAppennino, che vivono e presidiano il territorio della
    montagna. Questo conto di solidarietà vuole essere tra le altre, unʼazione concreta, un aiuto
    per il territorio e per le vittime di questa tragedia.”
    La destinazione dei fondi raccolti dal CAI sarà indicata dal Gruppo Regionale Abruzzo che è
    senzʼaltro il referente autorevole per meglio finalizzare il contributo su interventi concreti a
    favore della popolazione colpita.
    Le coordinate bancarie per chiunque volesse contribuire a questo gesto di solidarietà sono:
    Conto corrente n° 500X36 intestato “RACCOLTA FONDI IL CAI PER L’ABRUZZO”
    Banca Popolare di Sondrio – Agenzia Milano 21
    IBAN IT42 F056 9601 6200 0000 0500 X36
    I riferimenti del conto sono disponibili anche sul sito web del CAI www.cai.it

    I PAESAGGI DEL VENETO: dal Mediterraneo alla Tundra – Febbraio/Aprile 2009 – CAI Cittadella

    CORSO: I PAESAGGI DEL VENETO Dal Mediterraneo alla Tundra

    SEDE: Cittadella (PD) – Sala Torre di Malta (Porta Padova) – ore 20.45

    PERIODO: FEBBRAIO-APRILE 2009

    PROGRAMMA: I Paesaggi del Veneto – Cittadella

tiffany outlet tiffany italia outlet peuterey outlet peuterey sito ufficiale giubbotti peuterey outlet air max 90 air max 90 pas cher air max pas cher hogan outlet scarpe hogan outlet hogan outlet online hogan outlet scarpe hogan outlet hogan outlet online tiffany outlet tiffany italia outlet moncler outlet moncler sito ufficiale piumini moncler outlet peuterey outlet peuterey sito ufficiale giubbotti peuterey outlet