Dalla scoperta alla conoscenza dell'ambiente che ci circonda
Icona RSS Icona email Icona home
  • AmMira la Montagna – 24^ edizione

    Pubblicato il febbraio 23rd, 2019 admin Nessun commento

    AMMIRA 2019A Mira (VE) sta iniziando anche per il 2019 la rassegna “AmMira la Montagna” giunta alla 24^ edizione, questo anno dedicata agli “Animali, Uomini e Alberi”.

    La serata inaugurale avrà luogo venerdì 1 marzo e sarà affidata a Davide Berton, naturalista, responsabile del Gruppo Grandi Carnivori del CAI, che parlerà del ritorno dei grandi carnivori sulle nostre montagne.

    auditorium di Oriago (ex Cinema Italia) – ore 20.45 – ingresso libero.

    >>> scarica il programma di AmMira 2019

     

  • Cambiamenti climatici: effetti sulle dolomiti

    Pubblicato il febbraio 22nd, 2019 admin Nessun commento

    52605923_803394413355022_1140142087115636736_n-1La sezione CAI di Belluno, alla luce delle violente trasformazioni che l’ambiente montano sta subendo a causa dei cambiamenti climatici, propone alla cittadinanza l’opportunità di comprendere quanto sta avvenendo in due incontri che si terranno nella Sala Muccin presso il Centro Giovanni XXXIII di Belluno il 27 febbraio ed il 6 marzo 2918.
    Il glaciologo e ricercatore del CNR Jacopo Gabrieli illustrerà i cambiamenti climatici che stanno caratterizzando il nostro tempo, mentre Gianni Marigo dell’ARPAV analizzerà l’evento metereologico conosciuto come Tempesta Vaia.
    Il secondo incontro grazie al geologo Danilo Giordano proporrà le trasformazioni del territorio favorite dall’evento e Cesare Lasen botanico presenterà gli effetti sulla vegetazione causati dal cambiamento climatico.

    >>> scarica la locandina

  • Cent’anni sull’Altipiano: per i boschi di Mario Rigoni Stern

    Pubblicato il febbraio 22nd, 2019 admin Nessun commento

    MRS marzo 2019 2A pochi mesi dall’uragano che ha schiantato il Bosco degli Urogalli. A cent’anni dalla fine della Prima Guerra Mondiale, quando tanti di quegli alberi erano stati piantati sul deserto creato dagli uomini.

    Una serata  nel nome del Sergente, per ricordare la storia e per immaginare  il futuro di un patrimonio ecologico e culturale, allora e oggi bene comune

    Asiago, 16 marzo 2019
    presso il Teatro Millepini – Via Millepini, 1
    ore 21.00 – ingresso libero

    >>> scarica la locandina

     

     

  • LUPO E GRANDI CARNIVORI NELLE MONTAGNE ITALIANE, opinioni a confronto

    Pubblicato il febbraio 8th, 2019 admin Nessun commento

    locandina definitiva 6-2-19Dopo gli importanti e partecipati convegni sul lupo e sull’orso bruno organizzati nel 2016, 2017 e 2018, anche per il 2019 il Gruppo Grandi Carnivori del Club alpino italiano, con il patrocinio di CAI Veneto, CAI Friuli Venezia Giulia, CAI Sezioni Vicentine, Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano, Commissione Interregionale TAM VFG e Ordine dei dottori Agronomi e dottori Forestali (provincia di Vicenza) organizza il nuovo convegno – giornata nazionale di studio per Soci CAI dal titolo Lupo e grandi carnivori nelle montagne italiane, opinioni a confronto.

    L’appuntamento sarà a Vicenza SABATO 6 APRILE, presso il Teatro San Marco (Contrà S. Francesco 76, inizio lavori ore 8.30). L’intento del Gruppo Grandi Carnivori – che si sta impegnando a fondo per organizzare eventi di grande rilevanza rivolti ai Soci – è quello di dare una nuova opportunità per arricchire il bagaglio personale di informazioni a 360° su temi importanti e scottanti come quello del ritorno dei grandi carnivori. Questa volta, in linea con la posizione del Club Alpino Italiano e con la sua volontà di equilibrio e mediazione, il Gruppo vuole dare spazio di parola e pari dignità ad un’ importante rappresentanza delle numerose realtà coinvolte nel fenomeno di ritorno dei grandi predatori selvatici nelle nostre montagne.

    L’obiettivo è quello di ascoltare esperienze e posizioni diverse, perché solo attraverso il dialogo e la concertazione tra tutti i portatori d’interesse sarà forse possibile arrivare ad una strada condivisa e ad un punto di equilibrio, che permetta in qualche modo la fondamentale permanenza e sviluppo delle attività tradizionali di montagna come pastorizia, allevamento e apicoltura e al contempo il sussistere di una natura che chiede i suoi spazi e che, sebbene talvolta scomoda, ha diritto di continuare ad esistere nei territori montani italiani.

    Per creare in noi soci del Club Alpino Italiano una coscienza matura e una visione corretta, non ideologica o di parte dei fatti, serve quanto mai sentire tutte le campane, anche quelle più lontane, che avranno senz’altro aspetti importanti da far conoscere e su cui riflettere. Non mancheranno nel corso del convegno anche alcuni interventi tecnici per aggiornarci sulla situazione attuale del fenomeno in termini sia naturalistici che normativi.

    Tra tutte queste diverse parti che l’organizzazione ha invitato al nostro appuntamento la speranza è capire se può esserci un punto d’incontro sul quale – chi ha il ruolo e la competenza per decidere – possa intraprendere una strada coraggiosa e lungimirante, sicuramente non facile, ma necessaria e, soprattutto, non più procrastinabile.

    Partecipazione gratuita aperta ai Soci CAI e agli iscritti all’Ordine dei Dottori Agronomi e Forestali (valido come credito formativo) previa iscrizione entro il primo aprile sul sito www.caicsvfg.it/iscrizione

     >>> scarica le informazioni dettagliate (programma e informazioni logistiche)
  • Le Leggende del laghetto Mediana

    Pubblicato il gennaio 31st, 2019 admin Nessun commento

    locandina MedianaLa sezione CAI di Pordenone, nell’ambito della propria programmazione culturale 2019 intitolata Sul Filo di Cresta, ha calendarizzato per il 14 febbraio p.v.  alle ore 21.00 presso la propria sede in Pordenone una interessante serata dal titolo

    “Le Leggende del laghetto Mediana di Sauris”
    Relatori: Giada Prosdocimo e Renzo Carniello, Operatori Naturalistici Culturali, CAI

    Ingresso libero

    >>> locandina evento

  • Nel Nome del Friuli – alla scoperta degli antichi toponimi

    Pubblicato il gennaio 10th, 2019 admin Nessun commento

    1pag_lezioniSono aperte le iscrizioni al nuovo ciclo di “Lezioni di Cultura Alpina“, storica iniziativa della Società Alpina Friulana di Udine. Giunti alla settima edizione, il nuovo ciclo di Lezioni di Cultura Alpina del 2019 si chiamerà “NEL NOME DEL FRIULI” e i massimi esperti del settore ci faranno scoprire i segreti di ciò che abbiamo sempre avuto sotto i nostri occhi. Assieme ad Angelo Floramo, Ermanno Dentesano, Barbara Cinausero Hofer e don Natalino Zuanella  scopriremo il vero motivo che ha portato ai nomi dei monti, dei fiumi, delle località, delle piazze, degli attrezzi per lavoro e per la vita quotidiana, ecc. tasselli preziosissimi che ci aiuteranno a ricostruire un puzzle che al termine ci farà conoscere meglio il luogo dove viviamo.

    Nominare è nella natura dell’uomo ed è l’unico modo che l’uomo ha per conoscere. Scoprire come vengono dati i nomi significa entrare in contatto con altre culture, e attraverso i nomi è possibile risalire a culture che altrimenti sarebbero pericolosamente esposte al rischio di venire dimenticate. La regione Friuli-Venezia Giulia occupa una posizione privilegiata nel vasto mosaico linguistico ed etnico dell’arco alpino, poiché, per la sua conformazione e per la sua storia formata da un infinito intreccio di contaminazioni tra popoli, fin dall’antichità il suo territorio fu teatro di incontri fra le principali culture d’Europa, di cui ancora oggi si avverte l’influenza.

    Le lezioni di cultura alpina partiranno martedì 5 febbraio 2019 alle ore 20.30 con una serata (aperta a tutti e senza necessità di iscrizione) nel corso della quale Angelo Floramo ci introdurrà nell’argomento parlandoci della toponomastica come veicolo di narrazione storiografica. Successivamente, venerdì 8 marzo 2019, inizierà il corso didattico al quale sarà necessario iscriversi.

    Per iscriversi all’iniziativa è possibile farlo anche utilizzando il nuovo servizio di iscrizioni on-line. Maggiori informazioni sul sito https://www.alpinafriulana.it/saf/lezioni-di-cultura-alpina/nelnomedelfriuli/

    >>> scarica pieghevole dettagliato

  • TORNERANNO I BOSCHI: quali foreste dopo la tempesta Vaja

    Pubblicato il gennaio 10th, 2019 admin Nessun commento

    locandina FrigoVenerdì 8 febbraio 2019 a Spinea, il prof. Gianni Frigo dottore forestale, O.N.C.N.  e componenete del Comitato Scientifico Centrale del CAI, terrà una conferenza inerente quanto accaduto alle montagne del nord-est lo scorso 29 ottobre 2018.

    Serata ad ingresso libero, organizzata dalle sezioni CAI di Mestre e di Mirano con ilpatrocinio del Comitato Scientifico VFG

    Venerdì 8 febbraio 2019 – Cinema Bersaglieri
    Spinea, via Roma 221

    >>> scarica la locandina

  • Chi è l’Operatore Naturalistico e Culturale e qual è il suo ruolo

    Pubblicato il gennaio 8th, 2019 admin Nessun commento

    Chi è l’Operatore Naturalistico e Culturale ed il suo ruolo. Molte volte chi non è un addetto ai lavori si è posto questa domanda. Dario Gasparo, eletto tra i migliori professori d’Italia e ONC del Club Alpino Italiano, intervistato da Luigi Iozzoli altro ONC campano, spiega la figura dell’Operatore Naturalistico e Culturale e svela come avviene la comunicazione naturalistica, in particolare attraverso la realizzazione di clip video.

  • Convegni e giornate studio

    Pubblicato il gennaio 8th, 2019 admin Nessun commento

    46733076_1920303634718993_3795300726452781056_oIl compito primario degli Operatori Naturalistici e Culturali e quello dei Comitati Scientifici centrali e periferici, è di promuovere e diffondere all’interno (ed all’esterno) del Sodalizio le conoscenze naturalistiche ed antropiche, organizzando escursioni scientifiche, corsi, convegni, seminari e svolgendo attività di ricerca e partecipando attivamente…

    >>> leggi tutto….

  • Ad Asiago la cerimonia di premiazione del 5° Concorso Fotografico del CAI omaggio a Mario Rigoni Stern

    Pubblicato il dicembre 31st, 2018 admin Nessun commento

    Premiazione Asiago 2018-28Nella bella cornice del capoluogo dell’Altopiano, ancora privo di neve ma graziosamente addobbato per le festività natalizie, il pomeriggio del 27 dicembre 2018 la sala consiliare del Municipio di Asiago ha ospitato la cerimonia di premiazione del 5° Concorso Fotografico intitolato a Mario Rigoni Stern e organizzato dal Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano del Club Alpino Italiano insieme al CAI Veneto e al CAI Friuli Venezia Giulia.

    Grande partecipazione di pubblico ed istituzioni, a conferma dell’ottima riuscita dell’iniziativa. Particolarmente significativa la presenza di Alberico Rigoni Stern, figlio dello scrittore asiaghese.

    Quest’anno il tema del concorso è “Uomini, boschi e api. La montagna e il lavoro dell’uomo”, con chiaro riferimento ad un noto libro dello scrittore. Numerose le opere presentate da vari fotografi.

    Premiazione Asiago 2018La giuria ha attribuito il primo premio alla foto in bianco e nero Preparativi per la fredda stagione, tra schegge e fatiche di Sara Pfeifhofer, con la seguente motivazione: “Immagine di notevole impatto e vivacità dinamica, in cui nella composizione, semplice ma di notevole efficacia, si coglie la fatica del lavoro necessario a garantire la scorta energetica per la stagione invernale e al tempo stesso l’importanza della risorsa costituita dalla foresta”. Il secondo e il terzo premio sono andati rispettivamente a Pecore e Pastori di Gianni Bodini e Attrezzi di Massimo Bolognini.

    Per la sezione Giovani, sono stati attribuiti due premi ex aequo a Forma in Forma di Francesco Adragna e Sosta nel bosco, il pastore osserva una pecora del suo gregge di Margherita D’Ambrosio. Inoltre la giuria ha ritenuto di segnalare le seguenti opere: Guido di Nicola Bertasi, Verso sera di Massimo Bolognini, Pastore e pecore sotto la pioggia di Marco Florian e Fioretta di Elisabetta Faccin.

    È stato anche presentato il catalogo, contenente le fotografie pervenute ma anche diversi articoli di approfondimento riguardanti il tema del concorso.

    Mostra Asiago 2018-11Al termine della cerimonia si è proceduto all’inaugurazione della mostra, presso la “Sala delle Tele” dell’Unione montana Spettabile Reggenza dei Sette Comuni, dove resterà fino al 6 gennaio prossimo. In seguito la mostra sarà allestita presso varie sezioni CAI d’Italia e gli altri enti che ne faranno richiesta.

    La mostra è visitabile anche sul web al sito del Comitato Scientifico del CAI: www.caicsvfg.it.

    Tutti coloro che nel prossimo anno visiteranno la mostra potranno esprimere il proprio voto, al massimo per tre delle opere presentate. L’opera fotografica che riceverà il maggior numero di voti da questa “giuria popolare” diffusa sarà premiata con il Trofeo Mario Rigoni Stern. L’assegnazione del trofeo avverrà il 27 dicembre del prossimo anno, sempre presso il Municipio di Asiago.

    Giuseppe Borziello

    >>> visualizza tutte le fotografie dell’evento