Dalla scoperta alla conoscenza dell'ambiente che ci circonda
Icona RSS Icona email Icona home
  • Lettera agli Operatori Naturalistici e Culturali – Pasqua 2020

    Pubblicato il aprile 10th, 2020 admin Nessun commento

    Care Amiche e cari Amici, titolate e titolati del Comitato Scientifico VFG,lettera a ONC - Pasqua 2020

    siamo tutti consapevoli della delicatezza del momento contingente, tristemente segnato dall’attuale emergenza sanitaria, che ci costringe tutti ad osservare scrupolosamente le prescrizioni delle pubbliche Autorità e le indicazioni che ci provengono dagli Organi centrali del nostro sodalizio.

    Spero vivamente che voi tutti, insieme alle persone a voi care, siate in buona salute, così come spero che le ricadute economiche della presente fase emergenziale non abbiano ad incidere troppo negativamente sulle vostre situazioni personali. So già, purtroppo, che qualcuno è stato direttamente colpito, e a chi non è più fra noi va il nostro affettuoso e grato ricordo, mentre, a chi è tuttora impegnato nella lotta, vanno il nostro particolare augurio e la nostra fraterna vicinanza.

    Questo periodo, che auspichiamo possa essere il più breve possibile, ci costringe a restare nelle nostre case, ma può darci l’occasione per riprendere o avviare letture e studi su argomenti che ci stanno a cuore, anche in preparazione delle attività che potremo mettere in campo come ONC quando sarà possibile una ripresa delle attività sociali.

    Inoltre, come già sottolineato da tanti prima di me, questa pausa forzata ci dà la possibilità di riflettere su molte cose, sul senso di quello che facciamo e sulle nostre abitudini, sul mondo delle nostre relazioni e dei nostri affetti, sulle priorità che vogliamo dare al nostro agire a alla nostra stessa vita. Anche sul senso del nostro vivere la montagna e sul modo in cui interpretiamo il nostro ruolo all’interno del Cai.

    Penso che, quando saremo usciti dalla fase emergenziale, non potrà essere tutto “come prima”. Anche il nostro andare in montagna probabilmente dovrà adeguarsi a nuove condizioni e anche ad una – mi auguro – nuova consapevolezza.

    In tale contesto credo che il ruolo che ricopriamo all’interno del Cai potrà avere ancora più senso, in quanto portatori di valori altamente positivi, quale è certamente la conoscenza dell’ambiente naturale nelle sue componenti abiotiche, biotiche ed antropiche, come pure la percezione delle minacce cui esso è purtroppo sottoposto. Sappiamo peraltro che la stessa frequentazione della montagna troppe volte assume dimensioni e caratteristiche incompatibili con le esigenze di conservazione e difesa del delicatissimo e fragilissimo patrimonio naturale montano, il quale d’altra parte non può essere visto solamente come il “terreno di gioco” di turisti, escursionisti e alpinisti: visione questa, che è drammaticamente riduttiva e pertanto foriera di ricadute estremamente negative su quello stesso ambiente che noi amiamo o diciamo di amare.

    Avremo sicuramente l’occasione per riflettere insieme su queste cose.

    Nel frattempo è chiaro a tutti che la situazione presente sottopone ogni programmazione  ad una forte alea, producendo pertanto l’annullamento o lo spostamento nel tempo di eventi e attività che oggi non risulta possibile realizzare. Abbiamo già dovuto annullare l’Aggiornamento nazionale invernale organizzato a Sauris per lo scorso mese di marzo: contiamo di poterlo riproporre il prossimo anno.

    Vogliamo tuttavia sperare che nei prossimi mesi, grazie al grande sforzo che il nostro Paese sta producendo, la situazione possa migliorare, sì da consentire una ripresa – sia pure cauta e nel rispetto delle misure che saranno decise – delle attività sociali. E d’altra parte si capisce bene che, se si vuol rendere concretamente realizzabile lo svolgimento di quanto programmato, si è costretti a porre in essere fin d’ora le premesse per la sua organizzazione logistica.

    Stiamo pertanto mettendo a punto l’organizzazione dell’Aggiornamento estivo, che avrà come tema la “Preistoria ed ecologia umana sull’Arco alpino orientale” e si terrà in collaborazione con l’Università di Ferrara. L’Aggiornamento sarà scandito su una giornata di lezioni in aula, tenute da ricercatori e docenti universitari, e una giornata in ambiente. Le località di svolgimento saranno Barcis per il sabato e Pradis per la domenica, nel territorio della provincia di Pordenone.

    Potete trovare la locandina con l’illustrazione sintetica del programma sul nostro sito web. Chiediamo di comunicarci il vostro interesse, tramite la compilazione del modulo di pre-iscrizione, entro il prossimo 30 giugno. Rammento che la frequentazione di almeno un aggiornamento ogni due anni è obbligatoria per tutti gli ONC.

    Vi prego di interpretare questa nostra iniziativa anche come un importante segno di speranza e di fiducia nel futuro. Qualora però l’evolversi della situazione non dovesse consentire lo svolgimento dell’Aggiornamento nel prossimo mese di settembre, anch’esso verrà rinviato al prossimo anno. Ma di ciò vi daremo tempestiva comunicazione.

    Termino queste mie note, formulando i migliori auguri di serenità e salute per voi e per le vostre famiglie, insieme agli auguri più cordiali per la prossima Pasqua.

    Quanto prima potremo nuovamente incontrarci di persona fra le nostre amatissime montagne. Ne sono certo.

    Auguri vivissimi e buona vita!

    Il Presidente
    del Comitato Scientifico VFG

    I commenti sono chiusi.