Dalla scoperta alla conoscenza dell'ambiente che ci circonda
Icona RSS Icona email Icona home
  • Nel Nome del Friuli – alla scoperta degli antichi toponimi

    Pubblicato il gennaio 10th, 2019 admin Nessun commento

    1pag_lezioniSono aperte le iscrizioni al nuovo ciclo di “Lezioni di Cultura Alpina“, storica iniziativa della Società Alpina Friulana di Udine. Giunti alla settima edizione, il nuovo ciclo di Lezioni di Cultura Alpina del 2019 si chiamerà “NEL NOME DEL FRIULI” e i massimi esperti del settore ci faranno scoprire i segreti di ciò che abbiamo sempre avuto sotto i nostri occhi. Assieme ad Angelo Floramo, Ermanno Dentesano, Barbara Cinausero Hofer e don Natalino Zuanella  scopriremo il vero motivo che ha portato ai nomi dei monti, dei fiumi, delle località, delle piazze, degli attrezzi per lavoro e per la vita quotidiana, ecc. tasselli preziosissimi che ci aiuteranno a ricostruire un puzzle che al termine ci farà conoscere meglio il luogo dove viviamo.

    Nominare è nella natura dell’uomo ed è l’unico modo che l’uomo ha per conoscere. Scoprire come vengono dati i nomi significa entrare in contatto con altre culture, e attraverso i nomi è possibile risalire a culture che altrimenti sarebbero pericolosamente esposte al rischio di venire dimenticate. La regione Friuli-Venezia Giulia occupa una posizione privilegiata nel vasto mosaico linguistico ed etnico dell’arco alpino, poiché, per la sua conformazione e per la sua storia formata da un infinito intreccio di contaminazioni tra popoli, fin dall’antichità il suo territorio fu teatro di incontri fra le principali culture d’Europa, di cui ancora oggi si avverte l’influenza.

    Le lezioni di cultura alpina partiranno martedì 5 febbraio 2019 alle ore 20.30 con una serata (aperta a tutti e senza necessità di iscrizione) nel corso della quale Angelo Floramo ci introdurrà nell’argomento parlandoci della toponomastica come veicolo di narrazione storiografica. Successivamente, venerdì 8 marzo 2019, inizierà il corso didattico al quale sarà necessario iscriversi.

    Per iscriversi all’iniziativa è possibile farlo anche utilizzando il nuovo servizio di iscrizioni on-line. Maggiori informazioni sul sito https://www.alpinafriulana.it/saf/lezioni-di-cultura-alpina/nelnomedelfriuli/

    >>> scarica pieghevole dettagliato

  • Un tranquillo Weekend da Lupi a Nevegal (BL)

    Pubblicato il dicembre 29th, 2018 admin Nessun commento

    weekend lupiLa sezione CAI Alpago “Benito Saviane” con la fattiva collaborazione e supporto del Gruppo Grandi Carnivori del CAI organizza il 9 e 10 Febbraio un week end di approfondimento sul lupo attraverso uscite in ambiente e parte in aula per conoscere meglio questo predatore recentemente tornato nei nostri monti, capirne le peculiarità, l’importanza ma anche le problematiche legate all’ interazione che esso esercita con le attività umane in particolare l’allevamento e la pastorizia. L’incontro è aperto a tutti i soci cai interessati previa iscrizione e versamento della caparra (vedi note informative) si svolgerà in un territorio caldo come quello del Nevegal (BL) dove la specie è ormai insediata da alcuni anni.

    >>> programma dettagliato

  • Le acque della montagna: un corso a Mirano

    Pubblicato il dicembre 29th, 2018 admin Nessun commento

    Corso didattico formativo_Layout 1Si comunica che la Sezione CAI di Mirano in collaborazione con il Comitato Scientifico VFG e l’Assessorato alla cultura del Comune di Mirano, ha organizzato un ciclo di incontri dedicato alle acque dal titolo “LE ACQUE DELLA MONTAGNA – Fonte di vita per l’ambiente e per l’uomo”. Il corso, programmato in 6 incontri, si svolgerà nella sala conferenze della Villa Errera a Mirano, ad eccezione della prima e dell’ultima serata che si svolgeranno al teatro Villa Belvedere, con ingresso libero.

    >>> disponibile qui la brochure dettagliata

  • Pubblicato il dicembre 14th, 2018 admin Nessun commento

    LOC-CORSO-PIANTESi comunica che nel mese di febbraio 2019 la Sezione CAI di Cittadella ha organizzato un CORSO DIDATTICO FORMATIVO sulle PIANTE MEDICINALI E COMMESTIBILI DELLA MONTAGNA VENETA: uso, tradizioni e curiosità.

    Il corso si terrà presso la sezione CAI di Cittadella (PD).

    Per maggiori informazioni scaricate l’unita locandina

  • La preistoria dell’Uomo nell’arco alpino orientale

    Pubblicato il luglio 3rd, 2018 admin Nessun commento

    corso preistoria 2018- volantino rev.3_Page_1La Sezione di Mestre del CAI propone un corso sul lungo cammino che ha portato alla colonizzazione delle Terre Alte da parte dell’Uomo, dal Paleolitico fino alle soglie della storia, quando le legioni romane giunsero ad occupare le valli delle Alpi orientali. Il corso è articolato in sette serate e tre uscite in ambiente.

    Gli incontri inizieranno il 5 ottobre 2018 e si svolgeranno alle ore 20,45 presso il Centro Culturale Santa Maria delle Grazie – Mestre, via Poerio 32.

    >>> per maggiori informazioni scaricare il programma dettagliato

     

  • Corso di geografia sui gruppi Marmarole e Antelao

    Pubblicato il aprile 29th, 2018 admin Nessun commento

    Corso Geografia Fondazione G.Angelini 2018 impaginato_Page_1La Fondazione G. Angelini in collaborazione con le sezioni cadorine del CAI, ha organizzato per il periodo dal 6 al 8 luglio 2018, un corso di formazione interdisciplinare di geografia sui gruppi Marmarole e Antelao dal titolo:

    “Aspetti geologici, geomorfologici, antropici e paesaggistici sui Gruppi Marmarole e Antelao. Sistema n. 5 di Dolomiti UNESCO”

    E’ un corso interdisciplinare di Geografia, intesa come crocevia di scienze diverse, dedicato all’ambiente montano con escursioni sul territorio. Il corso si pone come obiettivo l’osservazione del paesaggio nella sua complessità tra elementi ambientali e culturali in relazione ed evoluzione nel corso del tempo, quale bagaglio di nozioni, idee ed esperienze personali da trasmettere come insegnanti ed accompagnatori.

    >>> brochure dettagliata
    >>> modulo iscrizione

  • Montagne ferite: VI° corso monotematico alpinismo giovanile sezione CAI di Belluno e Longarone

    Pubblicato il aprile 15th, 2018 admin Nessun commento

    IMG_9293La Prima guerra mondiale è stato un evento che ha cambiato la storia dell’Europa e che ha segnato indelebilmente anche le nostre montagne.

    In occasione delle celebrazione del Centenario, le sezioni CAI di Belluno e Longarone desiderano offrire ai giovani un percorso grazie al quale scoprire i segni lasciati sulle Dolomiti dal conflitto, ricordando gli avvenimenti storici, ma soprattutto “rivivendo” vicende umane sopportate dai combattenti e dalla popolazione. La lettura del diario di Giuseppe Boschet, bambino che ha vissuto la guerra, sarà descrizione efficace degli effetti della guerra insieme alle pagine di diari di combattenti.

    La visita di luoghi dove ancora sono visibili i segni del grande lavoro fatto dai combattenti offre l’occasione di riconoscere alle montagne la caratteristica di luogo della memoria, che merita  rispetto e di cui tutti siamo responsabili.

    Dal momento che la guerra nasce da un conflitto di “interessi”, sarà preso in esame, nelle uscite del corso, la gestione del conflitto che può diventare scontro aperto e fonte di rottura delle relazioni, ma che può essere superato.

    Il successo degli scorsi anni e l’aumento dei partecipanti ha indotto le Commissioni a prevedere due corsi diversificati nel rispetto dell’età dei giovani: uno rivolto a soggetti dall’età di 6 anni agli 10, il secondo ai ragazzi dai 10 ai 17 anni in regola con il tesseramento CAI 2018. Le lezioni e le uscite sono distribuite da maggio a settembre.

    La presentazione del corso è avvenuta sabato 7 aprile alle ore 17.00 presso la sede CAI in Piazza S.G. Bosco n. 11. Le iscrizioni saranno accolte solo via mail a fs.squillace@gmail.com a partire dalle ore 15.00 di giovedì 12 aprile 2018.

     

    >>> scarica il pieghevole del corso con tutti i dettagli

  • La geologia delle nostre montagne – Un corso a Conegliano

    Pubblicato il aprile 5th, 2018 admin Nessun commento

    Locandina Corso Geologia 2018Segnaliamo che la Sezione CAI di Conegliano ha realizzato un corso sulla “geologia delle nostre montagne” che avrà inizio lunedì 07 maggio 2018 alle ore 20.45 presso la sede della Sezione, in Via Rossini n.2/b a Conegliano (ndr. dietro la stazione ferroviaria).

    L’evento è patrocinato dal Comune di Conegliano, dal Comitato Scientifico Veneto Friulano Giuliano e dalla Commissione Interregionale Veneto FVG TAM (Tutela Ambiente Montano).

    Per maggiori info scaricare la brochure dettagliata.

    >>> scarica il pieghevole

  • Aggiornamento ONC 2018

    Pubblicato il marzo 19th, 2018 admin Nessun commento

    programmapaluzza rel2L’acqua, fonte di vita per il nostro pianeta. Un bene dal valore inestimabile, ma che non sempre è usato in maniera responsabile. L’acqua è importante per lo sviluppo di svariati ambiti, ma l’acqua è sinonimo di vita. Dall’acqua ha avuto origine la vita sulla Terra e, senza di essa, si porrebbe fine all’esistenza dell’intero pianeta.

    Vista l’importanza di questa risorsa, abbiamo voluto approfondire l’argomento dedicando all’acqua il prossimo corso di aggiornamento per Operatori Naturalistici e Culturali di 1° livello.

    Sabato 15 e Domenica 16 settembre 2018
    LE ACQUE INTERNE, FONTI DI VITA
    PER L’AMBIENTE E PER L’UOMO

    Paluzza (UD) – Centro CESFAM

    >> scarica il programma dettagliato
    >> modulo di iscrizione

     

  • Corso per Operatori Naturalistici e Culturali

    Pubblicato il gennaio 30th, 2018 admin Nessun commento

    5° CORSO PER OPERATORI NATURALISTICI E CULTURALIopuscolo corso regionale2015 finale

    Il Comitato Scientifico Veneto, Friulano e Giuliano organizza per il 2018 il “5° Corso per Operatori Naturalistici e Culturali” di 1° livello

    Le finalità del corso sono di formare soci con esperienza in Sezione sulle tematiche naturalistiche e culturali che la montagna offre, per poterle comunicare e divulgare agli altri soci, attraverso l’organizzazione di escursioni a tema, serate culturali, convegni o con la realizzazione di articoli ecc.

    Il corso seguirà – dopo due giornate di base comune per gli iscritti che non siano già titolati o sezionali – una scansione di tipo ecologico degli argomenti trattati: dai fattori abiotici dell’ambiente naturale alpino, a quelli biotici e all’interazione tra di essi, fino a comprendere il complesso ecosistema delle nostre montagne, in cui l’uomo è spesso protagonista determinante.

    Il corso è organizzato in 2 giornate di sabato e 5 fine settimana, per un totale di 12 giornate. Nell’ultimo fine settimana, si svolgeranno il test finale (che verterà sugli argomenti affrontati nei precedenti incontri) e la prova pratica di conduzione in ambiente naturale.

    >>> prosegui la lettura